NOTIZE_NEWS

MAPPE DI INVESTIMENTO DELLE REGIONI DELL'UZBEKISTAN_ENG

posted 19 Sep 2018, 13:06 by Webmaster Ambasciata   [ updated 19 Sep 2018, 13:19 ]

https://docs.google.com/a/uzbekistanitalia.org/viewer?a=v&pid=sites&srcid=dXpiZWtpc3Rhbml0YWxpYS5vcmd8d3d3fGd4OjRhODY1ZDMwZDYyOGJmMmQ
https://docs.google.com/a/uzbekistanitalia.org/viewer?a=v&pid=sites&srcid=dXpiZWtpc3Rhbml0YWxpYS5vcmd8d3d3fGd4OjRhODY1ZDMwZDYyOGJmMmQ

MAPPE DI INVESTIMENTO DELLE REGIONI DELL'UZBEKISTAN_RUS

posted 9 Aug 2018, 11:29 by Webmaster Ambasciata   [ updated 19 Sep 2018, 13:02 ]

https://mfa.uz/map/map.html

L’Uzbekistan lancia il sistema elettronico del rilascio di visti d’ingresso (e-visa.gov.uz)

posted 15 Jul 2018, 05:37 by Webmaster Ambasciata   [ updated 19 Sep 2018, 04:07 ]

Il nuovo sistema elettronico del rilascio di visti d’ingresso per il soggiorno turistico in Uzbekistan diventa operativo dal 15 luglio 2018 secondo il D.P.R. n.3836 del 4 luglio 2018 “Sulle misure per ottimizzare la normativa d’ingresso di cittadini stranieri nella Repubblica dell’Uzbekistan”.



Tale sistema, in conformità con il regolamento sul visto elettronico della Repubblica dell’Uzbekistan, prevede la revoca d’obbligo di domanda del visto turistico presso le rappresentanze diplomatiche e gli uffici consolari dell’Uzbekistan all’estero.

La nuova normativa ha scopo di migliorare ulteriormente la procedura di l'ingresso dei cittadini stranieri nel paese e porta alla semplificazione delle procedure per l'ottenimento di un visto di ingresso da parte degli stranieri attraverso l'introduzione di un servizio interattivo per l'elaborazione e l'emissione di un visto di ingresso elettronico, nonché l'ingresso senza visti a breve termine nella Repubblica dell'Uzbekistan per i cittadini di un certo numero di paesi stranieri e l'ingresso senza visto nella Repubblica dell'Uzbekistan per i cittadini stranieri che non hanno raggiunto l'età di 16 anni.

La domanda si elabora in due giorni lavorativi a partire dal giorno successivo all’inserimento della richiesta. La nuova procedura riguarda solo i visti turistici individuali di durata massima di 30 giorni con un solo ingresso nel paese.

Il visto elettronico si rilasciato via la posta elettronica indicata dal richiedente straniero sul portale web
e-visa.gov.uz per il soggiorno di 30 giorni sul territorio dell’Uzbekistan ed è valido nell’arco di 90 giorni dalla data di rilascio.

L’inserimento della richiesta si deve compilare almeno tre giorni lavorativi prima della partenza programmata per l’Uzbekistan. La domanda deve essere compilata in modo assolutamente corretto.

Il pagamento dei diritti consolari per il trattamento della domanda di rilascio del visto elettronico è di 20 dollari statunitensi e non è rimborsabile in caso di rifiuto. Il pagamento si effettua tramite i circuiti elettronici internazionali.

Il visto elettronico non si applica sul documento di viaggio/passaporto ma il cittadino straniero deve presentarlo in formato elettronico o cartaceo al valico di frontiera.

Rimane invariata invece la procedura della richiesta del visto tramite il consolato per tutti altri tipi di visto, anche turistici con multipli ingressi, visti turistici di gruppo ecc. (visto tradizionale) Tutto l'iter da intraprendere in tal caso si trova sul nostro sito. Attenzione a non confondere i due siti:
e-visa.gov.uz per ottenere il visto elettronico in maniera autonoma (si ottiene solo il visto turistico di 30 giorni con 1 solo ingresso), ed altro sito:
evisa.mfa.uz che soltanto fornisce il modulo elettronico della richiesta del visto tramite i consolati (tutti tipi di visti).

Altra novità- transito fino a 5 giorni senza il visto, se il passeggero ha il biglietto per un terzo paese, ma transita in Uzbekistan. Per poter usufruire del periodo di transito senza visto il passeggero deve avere il biglietto per un terzo paese da parte della Compagnia nazionale aerea Uzbekistan Airways (HY), oppure la compagnia aerea con cui ha comprato il biglietto,se diversa da HY;deve avvertire le autorita' della frontiera della presenza di un passeggero che vorrebbe usufruire del transito senza visto.

L’Uzbekistan lancia il sistema elettronico del rilascio di visti d’ingresso (e-visa.gov.uz)

OFICIAL DOCUMENT OF GENERAL ASSEMBLY OF UN

posted 6 Jun 2018, 11:24 by Webmaster Ambasciata   [ updated 19 Sep 2018, 13:10 ]

Seventy-second session 
Agenda item 72 
Promotion and protection of human rights 

Annex to the letter dated 4 May 2018 from the Permanent Representative of Uzbekistan to the United Nations addressed to the Secretary-General 

[Original: Russian] 

Information on the measures taken to ensure the guaranteed labour rights of citizens in accordance with the legislation of the Republic of Uzbekistan and international labour standards 

Since independence, a foundation of standards and legislation established on the basis of the principles and norms of international law has strengthened guarantees of the protection of citizens’ labour rights. 

As a member of the International Labour Organization (ILO), Uzbekistan has ratified 14 ILO conventions, including Nos 29, 105, 138 and 182, which prohibit child labour and forced labour. Their provisions are reflected in the Constitution of the Republic of Uzbekistan, which enshrines the right of every person to employment, a free choice of occupation, fair working conditions, unemployment protection, and the prohibition of forced labour. 

National legislation strictly prohibits child labour and forced labour, including coercion to work through the threat of any form of punishment, including as an instrument to maintain work discipline. Forced labour of any kind incurs administrative penalties. 

Adhering scrupulously to its international obligations and reaffirming its determination to prohibit such phenomena as child labour and forced labour, Uzbekistan is open to constructive international cooperation in that connection. 

Close dialogue between the Government of Uzbekistan and ILO has facilitated the development of organizational and legal structures in this field. Working with ILO, the Government has been methodically implementing the 2017–2020 Decent Work Country Programme. Steps are being taken to incorporate international labour standards, in stages, into national law and law-enforcement practice. 

A Coordinating Council on child labour and forced labour has been established and is operating effectively. In order to develop cooperation with ILO and implement the principles of international labour law, a range of measures has been put in place, and a series of meetings, conferences, seminars and round tables has been organized. 

Through the implementation of consistent measures, a number of positive results have been achieved in terms of adherence to international labour standards and norms. Child labour has been entirely eradicated; efforts are under way and operational mechanisms are being established to prohibit and reject forced labour. As a result of its achievements, Uzbekistan has not appeared on the list of States with serious shortcomings in adherence to the ILO conventions since 2014. 

Despite the measures implemented, much remains to be done to make them integrated and consistent. The unsatisfactory level of activity by State and other entities to inform the international community and international organizations about the large-scale efforts undertaken in Uzbekistan to ensure the guaranteed labour rights of citizens has at times led to a view of the situation that lacks objectivity. 

In addition, there is a considerable obstacle to the prevention and elimination of forced labour in the form of poor execution by State executive and administrative authorities at local level of information campaigns to cater for the needs of seasonal agricultural labour and other community work, and insufficiently organized efforts and lack of knowledge of labour legislation on the part of leaders of organizations, entities and farming enterprises and dekhan farms. 

Particular focus and a radically new approach are required in order to increase the level of mechanization in agriculture; to use new agricultural technology and apply contemporary sustainable development standards to cotton cultivation; to ensure forward-looking development and the adoption and use in agriculture and aquaculture of innovations, scientific advances and modern information and communications technology; to adopt and use effective methods of managing seasonal agricultural labour and material incentives for workers; and to improve the related vocational skills of managers. 

The current situation and the need for greater parliamentary and public oversight have led to the establishment (in October 2017) of a Parliamentary Commission on ensuring the guaranteed labour rights of citizens. It consists of members of the Oliy Majlis Legislative Chamber and Senate, representatives of non-governmental non‑profit organizations and civil society institutions, and has specific responsibilities connected with the guaranteed labour rights of citizens, in close cooperation with the Coordinating Council on child labour and forced labour. 

The Parliamentary Commission has been charged with taking the following action to pursue full implementation of Uzbekistan’s legislation and international agreements regarding the guaranteed labour rights of citizens, to strengthen measures to prevent and eliminate the risk of any form of child labour or forced labour, and to transmit to the wider international community reliable information on the current situation: 

(a) Adopting a series of measures to ensure unconditional implementation of Uzbekistan’s legislation to ensure the guaranteed labour rights of citizens, including legislation to prevent and prohibit the use of child labour or forced labour, as well taking the action provided for in the 2017–2020 Decent Work Country Programme; 

(b) Establishing parliamentary and public oversight against violations of the guaranteed labour rights of citizens by State bodies, companies, institutions, entities and individuals; 

(c) Using of all forms of parliamentary and public oversight in order to ensure the guaranteed labour rights of citizens, in accordance with Uzbekistan’s legislation and international agreements; 

(d) Taking joint action with State executive and administrative authorities at local level to increase the accountability of officials of State bodies and other entities for adherence to the labour rights of citizens, and for timely implementation of the programme for job creation and incorporation of the population into the workforce; 

(e) Performing regular reviews of the effectiveness of action by leaders of State and economic authorities, local government bodies and other entities to implement national legislation and international agreements ensuring the guaranteed labour rights of citizens; 

(f) Conducting local-level studies of problems and shortcomings connected with the implementation of legislation ensuring the guaranteed labour rights of citizens; 

(g) Carrying out inventories of current legislation; developing specific proposals to improve legislation ensuring the guaranteed labour rights of citizens, by means including implementation and ratification of international labour standards; 

(h) Undertaking wide-ranging local awareness-raising campaigns to ensure the sustainability of the gains made in ensuring the guaranteed labour rights of citizens. 

Moreover, in the light of the importance of efforts at local level to ensure the guaranteed labour rights of citizens, and in compliance with recommendations made, the Joqarg’i Ken’es of the Republic of Karakalpakstan and the regional and Tashkent city kengashi of people’s deputies have established local commissions for that purpose. 

A series of measures has been adopted in order to ensure the guaranteed labour rights of citizens in accordance with national legislation and international labour standards. 

The Government of Uzbekistan has been charged with taking concerted action to achieve the following: 

(a) Adoption of market mechanisms, innovation, scientific advances and modern information and communications technology. The aim is to make agriculture more efficient and profitable and increase mechanization through measures including more machine-harvesting of cotton. Such measures will also apply to seasonal agricultural activity; 

(b) Improving the use of existing and new agricultural technology; developing the selection of cotton varieties suited to mechanized harvesting and deriving maximum benefits from mechanization; 

(c) Modernization of existing capabilities in agriculture, in order to improve the competitiveness of agricultural output; 

(d) Devising strategies for the development of Uzbekistan’s agriculture, taking into account the changes in and diversification of the agricultural sector and agricultural output, in order to elicit direct investment, foreign credit and technical cooperation resources; 

(e) Developing a variety of economic incentives for seasonal workers and establishing proposals for improved labour relations in that connection. 

Meanwhile, non-governmental non-profit organizations and other civil society institutions have been urged to take the following recommended action: 

(a) Intensify efforts to adopt public oversight of compliance with international law and national legislation ensuring the guaranteed labour rights of citizens by State executive and administrative authorities at local level, and by companies, entities, institutions and farming enterprises; 

(b) Conduct a wide-ranging public awareness-raising campaign and adopt mechanisms to gather public feedback; adopt operational measures to exert peer pressure against individuals involved in violations of labour law and propose to the competent authorities ways to hold such individuals to account. 

The Office of the Public Prosecutor of Uzbekistan will strictly monitor the implementation of national legislation ensuring the guaranteed labour rights of citizens, including legislation to prevent and prohibit the use of any form of child labour, paying particular attention to adherence to existing norms and legislation during seasonal agricultural and other community work. 

Information on the activities of the Parliamentary Commission is disseminated widely in the media.

  

Il Messaggio del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev all’Oliy Majlis (Parlamento)

posted 15 Mar 2018, 05:04 by Webmaster Ambasciata   [ updated 15 Mar 2018, 05:24 ]

           Onorevoli deputati e senatori!

Egregi concittadini!

Gentili ospiti!


Oggi siamo tutti compartecipi a un evento politico molto importante nella vita della nostra Patria.

Il Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan per la prima volta rivolge il suo Discorso al Parlamento del paese Oliy Majlis.

Siamo a conoscenza che in molti paesi sviluppati del mondo, il capo dello stato rivolge un Messaggio al parlamento con le questioni più importanti e attuali sullo sviluppo politico, democratico, economico e sociale del paese.

Credo che nella realtà odierna tale approccio democratico alla gestione dello stato sia particolarmente richiesto e sia in sintonia con le riforme su larga scala adottate in Uzbekistan, in particolare, con il principio del dialogo con la gente e possa migliorare ulteriormente l'efficienza delle nostre attività.

Alla riunione partecipano i membri del Senato, i deputati della Camera Legislativa dell’Oliy Majlis e, tramite la videoconferenza, i deputati dei Kengash distrettuali, di città e regionali, i dirigenti degli enti esecutivi e della gestione economica a tutti i livelli.

Permettetemi di rivolgervi questo Messaggio dedicato ai principali risultati del lavoro svolto nel 2017, anno che ha segnato l'inizio di una nuova fase del nostro sviluppo, e alle aree prioritarie di sviluppo sociale ed economico della Repubblica dell'Uzbekistan per il 2018.

Sono state mobilitate tutte le forze e le capacità dello stato e della società per adempiere i compiti stabiliti per il 2017 dalla Strategia di un ulteriore sviluppo del nostro paese.

L’attuazione delle misure illustrate nel Programma Statale "L’anno del dialogo con il Popolo e degli interessi umani" ha rappresentato il passo più rilevante su questa strada.

È importante notare che il nostro popolo sostiene le riforme su larga scala che si stanno attuando nel paese. I primi risultati di queste riforme si sentono oggi nella vita dei nostri concittadini, facendo crescere le loro attività sociali e accrescere la fiducia nel futuro.

Il nostro governo prende decisioni riguardanti la vita del paese attraverso il dialogo con la gente, tenendo conto delle opinioni dei cittadini. Pietra angolare della nostra attività è il principio: “Non è il Popolo che serve le istituzioni governative, ma gli enti statali sono a servizio del Popolo”.

Gli impiegati degli enti statali, in primo luogo i dirigenti, non si limitano soltanto al lavoro d’ufficio, ma vanno nei luoghi  pubblici, impegnandosi a risolvere i problemi più urgenti della popolazione.

Possiamo annoverare con certezza il 2017 nella storia dell’Uzbekistan come l’anno di creazione del nuovo sistema di dialogo diretto con i cittadini e risoluzione efficace dei loro problemi vitali.

I Centri Popolari di accoglimento degli appelli della popolazione e la Ricezione Virtuale del Presidente della Repubblica dell'Uzbekistan sono gli strumenti principali del sistema e sono diventati una sorta d’istituzione democratica per elaborare gli appelli dei cittadini.

Sono state ricevute oltre un milione e mezzo di richieste e appelli di cittadini in breve periodo, e sono stati risolti positivamente i problemi popolari accumulati nel corso degli anni, il che indica l’approvazione della democrazia in Uzbekistan non a parole ma con i fatti.

Un altro considerevole risultato del lavoro di questo sistema è stato l’aumento della responsabilità personale dei dirigenti locali per la rapida correzione di errori e carenze.

Tenendo conto degli interessi del popolo, sono in atto dei cambiamenti fondamentali nelle più importanti istituzioni di garanzia della giustizia sociale: nel sistema giuridico e giudiziario, d’ufficio del pubblico ministero e dei dipartimenti degli affari interni.

Non credo sia necessario soffermarsi sulla questione perché ne abbiamo già parlato dettagliatamente alla solenne riunione dedicata al 25° anniversario dell’adozione della Costituzione della Repubblica dell'Uzbekistan.

Nel 2017 più di 1100 persone, che fino ad ora vivevano in
Uzbekistan senza la cittadinanza, sono riuscite ad ottenerla. Lo considero una conferma in più della garanzia dei diritti umani e delle libertà nel nostro paese.

Quest’anno in ambito economico abbiamo compiuto i primi passi per attuare quelle riforme efficaci che soddisfino i requisiti moderni.

Sono state adottate e attuate coerentemente leggi, decreti, risoluzioni, programmi appropriati per organizzare e successivamente liberalizzare la nostra economia, migliorando il quadro giuridico, modernizzando e diversificando la produzione.

Nel paese in un breve periodo sono stati avviati 161 grandi progetti industriali, che ci consentiranno una maggiore produzione per un valore di 1,5 trilioni di sum l’anno prossimo.

Ad esempio, nella centrale termoelettrica di Tashkent è stato messo in funzione un impianto a ciclo combinato per aumentare la produzione di energia elettrica di 2,5 miliardi di kilowatt.

Continuano i lavori per la costruzione di un secondo impianto a ciclo combinato nella centrale termica di Navoi e di un impianto idrometallurgico collocato sulle miniere d'oro di Avminza-Amantai nel KyzylKum.

L’impianto siderurgico di Almalik ha iniziato i lavori sullo sviluppo delle miniere “Yoshlik-1” e “Yoshlik-2”.  È stata accelerata la costruzione di grandi opere come serbatoi di Sardoba, Fergana, Tupalang.  È stata completata l’elettrificazione della ferrovia Fergana – Margilan.

Con la messa in funzione di un altro grande progetto: dell’impianto di trattamento di gas di Kandym, nel 2018 sarà aumentata l’estrazione di gas naturale di 4 100 000 000 di metri cubi, di 67 000 tonnellate di condensato e di 106 000 tonnellate di zolfo. Una delle locomotive dell’economia dell’Uzbekistan, l’impianto di trattamento del gas di Mubarek prevede la messa in funzione dei reattori di desolforazione di sei miliardi di metri cubi del gas naturale.

La società "Uzagrotehsanoatholding” S.p.A. prevede di produrre più di 5000 trattori moderni, più di 1000 raccoglitrici di cotone e più di 2000 rimorchi.

Ci sono molti altri esempi come questi.

Abbiamo criticamente rivisto il metodo inaccettabile nella politica economica: correre a numeri irreali, presentando piani utopici non aderenti con la realtà. L’obiettivo principale delle nostre riforme è raggiungere risultati concreti e garantire gli interessi umani.

A seguito delle misure attuate nel 2017, è aumentato il volume delle esportazioni del 15%, portando il tasso di crescita economica al 5,5%. Il saldo positivo nel commercio estero ha raggiunto 854 milioni di dollari statunitensi.

Abbiamo iniziato la conversione libera della nostra valuta nazionale sum. Le persone giuridiche e fisiche possono effettuare senza limiti le operazioni di compravendita della valuta straniera nelle banche commerciali. Con la liberalizzazione, il volume delle operazioni di compravendita di valuta estera è cresciuto di 1,5 volte, raggiungendo 1,3 miliardi di dollari statunitensi e le riserve auree e valutarie dell’Uzbekistan sono aumentate di 1,1 miliardi di dollari statunitensi.

Nel 2017 hanno iniziato a funzionare dodici zone economiche libere e quarantacinque zone industriali, consentendo uno sviluppo accelerato delle nostre regioni. Prossimamente si prevede la creazione di altre cinquanta nuove zone industriali.

La questione di creazione di nuovi posti di lavoro è estremamente importante per noi ed era costantemente al centro dell’attenzione durante l’anno. La costruzione delle nuove imprese industriali, lo sviluppo delle piccole imprese e dell’imprenditoria privata, l’ampliamento dei servizi nel 2017 ha consentito di organizzare oltre 336 mila nuovi posti di lavoro. Ci siamo dati un compito prioritario per garantire l’occupazione della popolazione e continueremo ad attribuire un’importanza particolare alla crescita di questi indicatori non solo in termini quantitativi ma anche qualitativi.

Prosegue l’attuazione dei programmi adottati per riformare la sfera sociale, una delle direzioni molto importanti nella politica statale.

Per molti anni il problema di edilizia abitativa è rimasto il bisogno primario che preoccupava la nostra popolazione, in particolare gli impiegati pubblici e le famiglie disagiate. Sarà giusto ammettere che non abbiamo prestato la giusta attenzione a questa questione.  Quest’anno, considerando le esigenze delle persone, abbiamo iniziato la costruzione di abitazioni accessibili seguendo i progetti rinnovati con l’accesso a mutui agevolati.

Nelle città e zone rurali sono state costruite case standard e multipiano con una superficie abitativa di oltre 3,5 milioni di metri quadrati. Il volume della costruzione dell’edilizia residenziale è aumentato di 20 volte rispetto al 2007, di 3,5 volte rispetto al 2010, l’anno in cui è stato attuato il programma di edilizia residenziale sui progetti standard, e di 2 volte rispetto al 2014.

È opportuno sottolineare, che in 25 anni abbiamo iniziato per la prima volta la costruzione degli edifici confortevoli multipiano a prezzi accessibili per la popolazione. Nel 2017 sono stati costruiti e consegnati alloggi “chiavi in mano” per una superficie di oltre 800 mila metri quadrati.

Nella città di Tashkent quest’anno sono stati costruiti 420 mila metri quadrati di alloggi, superando di 3 volte il volume di costruzioni del 2016.

La questione di edilizia residenziale accessibile per la popolazione resta attuale e noi continueremo a lavorarci, aumentando la scala del lavoro anche l’anno prossimo.

La gente vuole vedere dei cambiamenti positivi nella sua vita non domani o nel lontano futuro ma oggi. E il nostro popolo laborioso, magnanimo e generoso ne ha il pieno diritto.

Sono state adottate misure concrete per migliorare la situazione ambientale della regione del Mare d'Aral.  Sono stati assegnati oltre 200 miliardi di sum al Fondo per lo sviluppo della regione del Mare d’Aral, istituito presso il Ministero delle Finanze.

Una parte delle risorse stanziate è stata destinata al miglioramento di approvvigionamento idrico e delle condizioni di vita degli abitanti della Repubblica del Karakalpakistan e della regione di Khorezm. Inoltre, in queste regioni è stata completata la ricostruzione e riparazione di oltre 3000 chilometri di strade interne.

Quest’anno abbiamo prestato particolare attenzione alla costruzione di nuovi istituti scolastici e alla ristrutturazione di quelli esistenti: 12 nuove scuole secondarie, 320 ricostruite e 152 scuole completamente rinnovate. Inoltre, sono stati costruiti 107 istituti prescolastici e completamente rinnovati 195.

Considerando il grande ruolo e importanza dell’istruzione dei nostri figli fin dalla tenera età, abbiamo istituito il Ministero dell'istruzione prescolare. Dobbiamo rinforzare la base materiale e tecnica del settore e costruire nei prossimi 3- 4 anni in tutte le regioni del paese e arredare migliaia di nuove scuole materne, elevando la qualità della formazione e dell’istruzione.

Abbiamo ripristinato il ciclo d’istruzione della durata di undici anni nel sistema educativo di istruzione e di formazione sulla proposta di molti genitori, insegnanti, studenti, società civile. Per soddisfare la mancanza del personale docente nella regione di Tashkent, è stato organizzato l’Istituto statale pedagogico nella città di Chirchik.

Sono stati aperti i dipartimenti d’istruzione extramurale in 15 istituti d’istruzione superiore per consentire di conseguire la laurea universitaria a oltre 5000 pedagoghi diplomati nei collegi.

Nel sistema d’istruzione e di formazione sono state create le scuole denominate in onore di Muhammad Khwarizmi e MirzoUlugbek, specializzate nello studio approfondito delle scienze esatte con l’applicazione di approccio creativo e innovativo. 

Prosegue un notevole lavoro per migliorare il sistema dell'istruzione superiore. In particolare, è stato adottato il Programma per lo sviluppo complessivo del sistema d’istruzione superiore negli anni 2017-2021.

Con l’apertura di nuovi istituti e succursali universitarie abbiamo 81 istituti di istruzione superiore, 15 filiali universitarie nelle regioni , 7 filiali delle università straniere. È opportuno notare l’accordo sulla creazione della filiale dell'Istituto di Mosca MISIS nella città di Almalyk e della filiale della Webster University statunitense a Tashkent.

Secondo le esigenze dell’economia reale sono stati aperti dipartimenti extramurali e serali in alcuni istituti d’istruzione superiore.

Sono state adottate delle misure per migliorare il sistema e per rafforzare la base materiale e tecnica dell'Accademia delle Scienze dell'Uzbekistan, ripristinando l'attività di vari istituti e centri di ricerca scientifica nella sua struttura.

Dopo una lunga pausa, si sono svolte le elezioni per l'Accademia delle Scienze: numerosi scienziati talentuosi e autorevoli nel nostro paese e all'estero sono stati insigniti di titoli di accademici. E noi ci aspettiamo dall'Accademia delle Scienze dei risultati pratici nelle ricerche, e dei nuovi sviluppi scientifici.

Tutto questo lavoro costante e coerente è volto al raggiungimento di un unico obiettivo: l’Uzbekistan deve diventare competitivo a livello mondiale nel campo della scienza e del potenziale intellettuale, del personale moderno qualificato, e di alta tecnologia.

 

Gentili amici!

Parlando dello sviluppo della sfera culturale ed umanitaria, prima di tutto, dobbiamo notare che quest'anno sono stati adottati 12 importanti documenti relativi ai temi della cultura, dell'arte, della letteratura e dei mass media.

Al fine di rafforzare il ruolo e l'importanza delle unioni creative nella vita del Paese e consolidare la loro base materiale e tecnica, è stato istituito un Fondo Pubblico "Ilhom" per sostenere figure creative dell'Uzbekistan e sono stati creati "I Club degli Amici" in collaborazione con le istituzioni dell’arte e della cultura, le grandi aziende e le banche.

Inoltre, nel territorio del Parco Nazionale di Tashkent è stato creato il Viale dei Letterari e una nuova sede dell'Unione degli Scrittori; nella Repubblica del Karakalpakistan e altre aree della regione sono state aperte scuole creative denominate in onore dei nostri scrittori e poeti illustri. Sono stati ricostruiti i teatri drammatici regionali di Khorezm e di Jizzax della città di Kokand, ed è stata fondata una filiale regionale di Fergana dell'Istituto Statale d’Arte e Cultura dell’Uzbekistan.

Quando parliamo di progetti, che costituiscono degli eventi importanti nella nostra vita spirituale, è opportuno sottolineare l’inizio del lavoro per organizzare l'attività delle istituzioni scientifiche ed’istruzione, come il Centro della Civiltà Islamica in Uzbekistan; Centri internazionali di ricerca scientifica “Imam Bukhari” e “Imam Termizi”, l’Accademia Islamica.

Sono state create scuole per lo studio del Hadith, della legge islamica, sufismo e di altre materie presso i complessi commemorativi dei nostri intellettuali.

Naturalmente, il nostro lavoro in questa direzione ha una profonda base scientifica e pratica.

È risaputo che la nostra terra situata al crocevia di culture e civiltà antiche ha cresciuto migliaia di scienziati, pensatori, grandi poeti e teologi. La loro eredità inestimabile in campi delle scienze esatte e delle conoscenze religiose e filosofiche oggi rappresenta il patrimonio spirituale di tutta l'umanità.

Attualmente, le librerie dell'Uzbekistan conservano più di 100 mila manoscritti antichi unici non esplorati, in attesa di ricercatori e lettori.

Le pagine di queste rarissime opere possono rivelare risposte a molteplici problemi attuali. In particolare, pensieri e idee profonde rimaste pertinenti fino ad oggi che rivelano la vera essenza umanistica dell'Islam, invitando tutte le persone al Bene, alla carità e all'armonia, indipendentemente dalla loro nazionalità, religione e status sociale.

Dobbiamo francamente ammettere che noi, essendo gli eredi di un patrimonio così unico, non abbiamo fatto abbastanza per studiarli, farli conoscere ai nostri concittadini, specialmente alla generazione più giovane e alla comunità internazionale.

Parliamo molto della necessità di combattere l'ignoranza religiosa e le correnti estremiste con l’istruzione, diffondendo le idee di giustizia e conoscenza scientifica. Ovviamente, è corretto. Ma dov'è questa illuminazione, questa conoscenza se non in questi libri lasciati dai nostri grandi antenati?

Tutte le nostre azioni pratiche in questo campo sono finalizzate a raggiungere proprio quest’obiettivo nobile e stimolano grande interesse e attenzione non solo nel nostro paese, ma anche all'estero.

Pertanto, è inaccettabile che nel nostro paese che agisce con importanti iniziative in quest'ambito e nella nostra società l’erede di tale inestimabile ricchezza e con ottimi intellettuali, migliaia di ulama (maestro di scienze religiose) illuminati, appaiano seguaci del fondamentalismo religioso.

 

Egregi partecipanti all'incontro!

Nel 2017 è stato svolto un grande lavoro nel campo dell'educazione fisica e dello sport.

Tutti noi siamo soddisfatti dei successi sportivi della nostra gioventù. Si dichiarano sempre più numerosi nuovi campioni mondiali e continentali, i grandi maestri internazionali di scacchi.

Quest’anno gli atleti uzbeki hanno ottenuto ottimi risultati in varie competizioni come: pugilato, judo, taekwondo, sollevamento pesi, lotta libera, sambo.

Il 2017 rappresenta una pagina brillante nella storia del kurash nazionale uzbeko. Durante l'ultima riunione dell'Assemblea Generale del Consiglio Olimpico dell'Asia, tenutasi a settembre in Turkmenistan, è stata presa la decisione di includere questa disciplina sportiva nel programma dei Giochi Asiatici. Così, alla XVIII Edizione dei Giochi Asiatici, che si terranno in Indonesia nel 2018, atleti provenienti da diversi paesi parteciperanno anche ad una gara di kurash nazionale uzbeko.

Al momento stiamo lavorando per migliorare le attività del Comitato Olimpico Nazionale dell'Uzbekistan. D’ora in poi gli allenamenti per i Giochi Olimpici e altre competizioni prestigiose, seguirà gli standard internazionali.

Oggi, da quest'alta tribuna, vorrei esprimere la mia profonda gratitudine a tutti i nostri giovani atleti, ai loro mentori ed allenatori per i loro meriti nello sviluppo del nostro sport nazionale e augurargli nuove vittorie.



Gentili compatrioti!

Nel periodo passato abbiamo raggiunto risultati rilevanti in materia di politica estera, sviluppando relazioni amichevoli e reciprocamente vantaggiose con gli stati esteri, in primo luogo con i paesi limitrofi.

Nell’arco dell’anno sono state organizzate 21 visite di alto livello, riunioni con leader e rappresentanti di oltre 60 stati ed organizzazioni internazionali.  A seguito di incontri, sono stati stipulati oltre 400 accordi e firmati contratti commerciali e di investimento per un valore complessivo di quasi 60 miliardi di dollari USA.

Al fine di attuare tempestivamente i documenti adottati, sono state elaborate 40 "tabelle di marcia" da seguire congiuntamente con i nostri partner esteri.

Applicando il principio "L'Asia Centrale rappresenta la priorità principale della politica estera dell'Uzbekistan", siamo riusciti a creare un'atmosfera politica nuova nella nostra regione, rafforzare le interrelazioni basate sulla fiducia reciproca e sul buon vicinato.

Abbiamo stabilito una cooperazione strategica con il Turkmenistan ed il Kirghizistan.  Sono stati firmati importanti documenti con il Kazakistan per approfondire ulteriormente la strategica partnership, accordi economici per un valore complessivo di 2 miliardi di dollari statunitensi. Stiamo rafforzando la cooperazione con il Tagikistan ed è in funzione la rotta aerea Tashkent - Dushanbe.

La firma del Trattato sul confine di Stato con il Kirghizistan rappresenta un passo importante per garantire la sicurezza e la stabilità in Asia Centrale.

Sono stati stipulati importanti accordi, reciprocamente vantaggiosi, per la cooperazione con la vicina Repubblica Islamica dell'Afghanistan, sono stati avviati lavori su nuovi progetti economici.

Abbiamo raggiunto efficienti accordi con la Russia, la Repubblica Popolare Cinese, la Corea del Sud, la Turchia, gli Stati Uniti d’America, i paesi dell'Unione Europea e i paesi musulmani.

L’Uzbekistan sta sviluppando su un nuovo livello la cooperazione con strutture internazionali come le Nazioni Unite, l'Organizzazione per la Cooperazione Islamica, l'Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai, la Comunità degli Stati Indipendenti.

È stata ripristinata la cooperazione con la Banca Europea per la ricostruzione e lo sviluppo e sono stati creati partenariati con la Banca Europea per gli investimenti. Procede e acquista un carattere dinamico, l’interazione con la Banca Mondiale, il Fondo monetario internazionale, la Banca Asiatica di sviluppo, la Banca Islamica per lo sviluppo, la Banca Asiatica d’investimento per le infrastrutture.

Le trasformazioni positive in corso aumentano l'interesse per L'Uzbekistan nell'arena internazionale e servono a rafforzare il nostro status nella comunità mondiale.

Certo, possiamo parlare a lungo del lavoro che abbiamo svolto durante l'anno. Tuttavia, capiamo che sono soltanto i primi passi su questo cammino che ci siamo scelti, un cammino non facile ma l'unico da percorrere.

Colgo l'occasione per esprimere la mia sincera gratitudine a tutti coloro che hanno partecipato attivamente alla realizzazione del Programma statale "L’anno del dialogo con il Popolo e degli interessi umani", ai rappresentanti delle organizzazioni governative e non governative, delle associazioni di categoria e delle imprese e a tutti coloro che hanno contribuito a questa nobile causa.

 

Egregi partecipanti all'incontro!

Secondo la buona tradizione consolidata nel nostro paese, ora dobbiamo scegliere il titolo per il nuovo anno 2018.

Abbiamo pensato molto a questo proposito. Abbiamo studiato attentamente all’opinione pubblica, prendendo in considerazione le richieste e le lettere dei nostri concittadini, ricevute nell’arco dell'anno dai Centri Popolari di accoglimento degli appelli della popolazione e dalla Ricezione Virtuale del Presidente della Repubblica dell'Uzbekistan, dagli enti statali, e i relativi giudizi espressi durante gli incontri.

Tenendo conto di tutti i suggerimenti e le raccomandazioni, propongo di nominare il nuovo anno 2018 nel nostro paese “L’anno di sostegno all'imprenditorialità attiva, alle idee e tecnologie innovative”.

A questo proposito, vorrei soffermarmi brevemente sulla nozione di imprenditorialità attiva. Questo è un campo dell'economia, dove l'attività imprenditoriale è organizzata utilizzando approccio moderno ed innovativo, tecnologie avanzate e metodi di gestione.

Per "imprenditori attivi", intendiamo uomini d'affari capaci di produrre merce competitiva, ma soprattutto di creare nuovi posti di lavoro, portando benefici non solo a loro stessi e alle loro famiglie, ma all'intera società.

La nostra priorità dovrebbe essere quella di sostenere pienamente gli imprenditori, creando le condizioni favorevoli per l'importazione e l'introduzione di alta tecnologia e degli ultimi progressi della scienza.

Inoltre dobbiamo sviluppare, per loro, ampie opportunità per conseguire formazione avanzata, svolgere tirocini presso le principali aziende e organizzazioni estere e realizzare cooperazioni reciprocamente vantaggiose.

Oggi ci stiamo muovendo verso un percorso di sviluppo innovativo, volto al miglioramento radicale di tutte le sfere della vita dello stato e della società.

Questo è naturale. Dopotutto, chi è che eccelle nel mondo in continuo e rapido sviluppo? Solo uno stato che si basa su un nuovo pensiero, idea e un'innovazione.

Innovazione significa futuro. Se oggi iniziamo a costruire il nostro grande futuro, dobbiamo farlo principalmente basandoci sulle idee nuove e utilizzando un approccio innovativo.

È il motivo per cui abbiamo istituito il Ministero dello Sviluppo Innovativo, incaricandolo con compiti concreti. Ci auguriamo che il Ministero svolga un ruolo di guida nella realizzazione di grandi progetti, non solo nell’economia, ma anche nella vita della nostra intera società.

Nel 2018, concentreremo l'attenzione sullo sviluppo della ricerca scientifica e dell’attività innovativa mettendo a disposizione le risorse finanziarie necessarie, nel pieno sostegno alla partecipazione dei giovani talenti in questo processo, sui progetti e idee creative.

  

I. Obiettivi prioritari per migliorare il sistema di costruzione statale e pubblica.

Gentili rappresentanti del popolo!

La necessità di trovare una soluzione efficace ai problemi attuali nella vita della società e di proseguimento coerente delle riforme su larga scala richiede la creazione di un sistema completamente nuovo nella pubblica amministrazione.

Penso che sia giunto il momento per lo sviluppo e l'adozione della legge "Sul Servizio Pubblico".

Insieme con altre questioni importanti, è indispensabile prevedere la creazione di un sistema di retribuzione e dignitosa sicurezza sociale per gli impiegati pubblici, aumentando contemporaneamente la responsabilità dei funzionari.

Nella pubblica amministrazione, in primo luogo, dobbiamo introdurre criteri e procedure specifiche per migliorare le prestazioni degli organi esecutivi, l'impiego razionale delle risorse umane e dei materiali.

In secondo luogo, è necessario definire chiaramente l'ordine di esecuzione dei compiti assegnati alle autorità esecutive, la portata delle loro responsabilità.

In terzo luogo, dobbiamo ridurre l'impatto amministrativo sull'economia e l'uso diffuso dei meccanismi di mercato. Cioè, è necessario sviluppare adeguati meccanismi di mercato e trasferire delle singole funzioni dallo stato al settore privato, limitando la partecipazione dello Stato alla creazione di strutture commerciali.

In quarto luogo, è importante migliorare i metodi e le tecniche che garantiscono una stretta cooperazione tra gli organismi rappresentativi e gli enti esecutivi e, in seguito, abbandonare l'eccessiva gestione centralizzata.

È essenziale prestare i servizi pubblici direttamente sul posto, ampliando le possibilità finanziarie e altre condizioni per le autorità locali. È importante ottimizzare e semplificare le procedure esistenti, introdurre innovative forme di gestione.

In quinto luogo, è necessario riformare l'istituto del servizio civile, introdurre meccanismi efficaci per combattere la corruzione.

Oggi, la vita stessa ci impone di formare un sistema di servizio pubblico professionale, mobile e orientato al risultato certo, di sviluppare un sistema efficace che possa aprire la strada agli specialisti dell’iniziativa con il ragionamento innovativo, devoti alla Patria e Popolo.

Per adempiere questi compiti, dovremo seguire il Concetto di riforma amministrativa nella Repubblica dell'Uzbekistan.

Come sapete, è stata adottata una legge apposita per la lotta efficace contro corruzione nel paese.

Prosegue coerentemente l’attuazione del programma statale delle misure volte al raggiungimento di obiettivi specifici in questo campo. Di conseguenza, nel 2017, in soli nove mesi,il numero dei reati di corruzione è diminuito del 33% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Dovremmo considerare tali indicatori come i primi risultati della nostra continua lotta contro la corruzione e proseguire a lavorare in questa direzione in modo più deciso.

 

Gentili amici!

Ritengo opportuno soffermarsi sul ruolo e sul significato del Parlamento, dei deputati e dei senatori nel rinforzare l'efficacia delle riforme che stiamo attuando.

Durante l'incontro del 12 luglio con i membri dell'Oliy Majlisè stato approvato un programma di misure pratiche, rilevando che il Parlamento del nostro paese deve diventare una vera e propria scuola di democrazia, promotore e forza decisiva nell'attuazione delle riforme.

Qual è il vantaggio per la nostra società derivante dall'esecuzione di questo programma? Quanti tra deputati o senatori hanno contribuito al miglioramento della vita del nostro popolo, alla soluzione dei loro problemi in materia di salute, ecologia, servizi e istruzione?

Purtroppo, la nostra popolazione non nota esempi concreti di tale attenzione né nella vita quotidiana, né nella stampa o in televisione. L’appello ai nostri deputati e senatori di diventare più attivi è rimasto solo sulla carta.

Delle 136 iniziative legislative presentate durante l'anno, solo ventisette sono state proposte dai deputati e riguardavano principalmente l'introduzione di modifiche e integrazioni a delle leggi già in vigore, a partire da decreti e risoluzioni approvati in precedenza dal Presidente: solo questo indica l’inefficacia dell’attività del  nostro parlamento.

È inaccettabile che per attuare le riforme siano adottati solo decreti e risoluzioni del Presidente! Infatti, il Parlamento è chiamato a sviluppare leggi efficienti per migliorare radicalmente i vari settori.

L’attività del nostro Parlamento in molti aspetti consiste nel tenere riunioni formali. Perché i problemi individuati o sollevati dall’elettorato non si risolvono adottando delle leggi appropriate o presentando la questione davanti alle autorità esecutive?

Onorevoli deputati, il nostro popolo è in attesa delle vostre risposte a queste domande. Sono finiti i tempi di quando si pensava che una volta eletti deputati o senatori si potesse vivere tranquilli.

Al Parlamento del nostro paese è stato raccomandato di promuovere l’introduzione di uno spirito imprenditoriale, costruttivo e autocritico nelle attività dei Kengash locali, nel lavoro del sistema sanitario, nella prevenzione della criminalità.

Ciò nonostante, il ruolo del Parlamento e dei deputati in questi settori è insufficiente.

Oggi non possiamo affermare che nelle regioni le prestazioni del servizio sanitario pubblico soddisfino i requisiti moderni.

Sarebbe doveroso che la Camera Legislativa (N. Ismoilov) prestasse una maggiore attenzione alla risoluzione dei problemi in questo settore. Ad esempio, si potrebbe istituire un comitato sanitario separato nella camera bassa dell'Oliy Majlis e organizzare il lavoro principale dei deputati- membri sul campo.

Guardando i rapporti, si ha l'impressione che ci siano stati cambiamenti positivi nell'attività dei Kengash locali, questi progressi, però, sono espressi solo in cifre. Non abbiamo bisogno di numeri, ma di risultati concreti.

Solo quando migliorerà la situazione nelle regioni, quando sarà garantita l’esecuzione del bilancio, quando diminuirà la criminalità, quando saranno creati nuovi posti di lavoro a sufficienza e, soprattutto, quando migliorerà il tenore di vita della popolazione, si potrà valutare positivamente l’attività dei Kengash locali.

Purtroppo, nessuno dei distretti vanta di un Kengash dei deputati popolari con un’attività adeguatamente organizzata.

La direzione del Senato (N. Yuldoshev), tenendo conto delle opinioni dei cittadini, dovrebbe valutare attentamente le attività della camera alta e adottare le misure necessarie per cambiare radicalmente il lavoro degli organismi rappresentativi.

È fondamentale non permettere alcun indebolimento nel lavoro sulla prevenzione delle inosservanze delle leggi nelle regioni e continuare ad aumentare l'efficacia nella lotta contro la criminalità.

Nella più importante parte dell’attività parlamentare, la legislazione, sono presenti degli errori e delle carenze.

Bisogna ammettere che l’adozione di leggi e statuti, che nella maggior parte dei casi non consentono la risoluzione di problemi specifici, e talvolta si contraddicono a vicenda, creano molteplici problemi e confusione.

Allora a chi servono i gruppi di lavoro inefficienti e le leggi morte e inapplicabili, che non hanno alcun effetto sull’applicazione delle leggi?

Al fine di prevenire tali fenomeni negativi, dobbiamo sviluppare e attuare il Concetto per migliorare la legislazione e la regolamentazione.

In avvenire, esamineremo scrupolosamente la pratica dell’adozione delle leggi nell’ambito dell’attuazione di vari programmi.

Dobbiamo essere tutti coscienti che l'unica fonte e autore della legge deve essere il Popolo.

D'ora in poi, le opinioni e le proposte su ogni progetto di legge giungeranno direttamente dai cittadini, dai locali Kengash dei deputati popolari.

Nel processo di adozione delle leggi, dobbiamo avvalerci in modo efficace di un’ampia discussione dei progetti di legge da parte della popolazione. Per organizzarla la direzione dell'Oliy Majlis dovrà creare "piattaforme" speciali nella rete Internet.

Affinché i cittadini possano esprimere la loro posizione su questioni importanti relative alla vita del nostro stato e della società, è opportuno creare una pagina Web speciale, "La mia opinione".

Si propone di introdurre la procedura per inserire gli appelli collettivi elettronici come meccanismo avanzato della democrazia; in altre parole, dobbiamo legiferare la valutazione obbligatoria delle iniziative presentate dai gruppi di cittadini da parte dell’Oliy Majlis o Kengash dei deputati popolari.

Di recente, abbiamo creato presso l'Oliy Majlis l'Istituto di questioni legislative e di studi parlamentari, chiamato a diventare una sorta di centro scientifico, che analizza profondamente le varie proposte pervenute all'Oliy Majlis.

Un'altra questione importante è la necessità di un ulteriore rinforzamento del ruolo delle camere di Oliy Majlis e dei partiti politici per uno studio approfondito della situazione in tutti gli ambiti, per lo sviluppo di misure e risoluzioni efficaci dei problemi esistenti.

Anche qui bisogna liberarsi dalla pratica di inseguire i numeri. Onorevoli deputati, gli elettori saranno soddisfatti del vostro lavoro se riuscite a risolvere almeno alcuni problemi nella pratica, invece di presentare centinaia di risoluzioni su carta.

È fondamentale, che i nostri cittadini si accorgano delle trasformazioni in corso nella propria vita e avvertano che nel governo ci sono politici che rappresentano gli interessi del popolo.

Garantire la competitività tra i partiti e condizioni di pari opportunità per tutti i soggetti politici,rappresenta una condizione importante per rafforzare il ruolo del parlamento.

È risaputo, che il Movimento Ambientale dell'Uzbekistan, organizzato nel 2008, si è trasformato in una vera e propria forza politica. Bisogna ammettere però, che l’ammissione di rappresentanti del movimento nella camera bassa del parlamento, con la predeterminata quota, non coadiuva l’aumento della loro attività e iniziativa.

Penso che sia giunto il momento di creare condizioni di parità per tutte le forze politiche e di rinunciare alla quotazione di posti nella Camera Legislativa per i rappresentanti del Movimento Ambientale. L'avviamento di questo cambiamento rafforzerà la sana competizione sull'arena politica e consentirà a rafforzare il Movimento Ambientale come una forza politica separata.

A questo proposito, vorrei soffermarmi anche sulla legislazione elettorale, che è di grande importanza nella nostra vita politica. Purtroppo, sei leggi e una serie di statuti adottati in quest’ambito non sono ancora stati armonizzati in un unico documento.

È doveroso sviluppare e adottare un unico Codice elettorale conforme alle norme e agli standard internazionali.

Inoltre, già da oggi dobbiamo iniziare a sviluppare un Programma di misure per organizzare i preparativi per le elezioni negli organismi rappresentativi, che si terranno nel 2019. Nel programma,dovremo prestare particolare attenzione all'organizzazione di questo processo politico con uno spirito ancora più aperto, attraverso pratiche migliori.

Gentili amici!

Le prossime importanti questioni che abbiamo davanti, al fine di creare condizioni ancora più favorevoli per la popolazione, sono un ampliamento e un aumento radicale della qualità dei servizi pubblici.

Pertanto, abbiamo organizzato presso il Ministero della Giustizia, una nuova struttura: l'Agenzia del servizio pubblico, che coordinerà e supervisionerà i lavori di prestazione dei servizi pubblici da parte di tutti i dipartimenti governativi.

In seguito, i centri dei servizi pubblici di quest’agenzia opereranno presso i Centri popolari di accoglimento degli appelli della popolazione, prestando servizi operativi e di qualità non solo agli imprenditori, ma a tutti i cittadini.

La questione di una pianificazione delle attività degli organismi statali e un aumento della sua efficacia resta ancora attuale.

Al momento, non esiste un criterio specifico per valutare oggettivamente le attività di una determinata agenzia per il periodo trascorso. Ad esempio, non so ancora con quali criteri è valutato il lavoro del Ministero dell'Economia o di altri uffici.

Pertanto ministeri, dipartimenti e i khokimiyats di tutti i livelli, nel determinare i parametri di previsione, devono schematizzare gli specifici indicatori quantitativi e qualitativi dei risultati desiderati delle loro attività.

A questo proposito, bisogna rivedere la struttura e i compiti degli enti statali. Al fine di evitare errori in questo settore, è necessario prendere decisioni profondamente analizzate e ottenere l’approvazione dalla Commissione sull'attuazione del Concetto di riforma amministrativa.

Per garantire l'efficacia delle misure adottate, è molto importante assicurare un lavoro coordinato delle autorità esecutive.

Ancora a oggi, la mancanza di una chiara differenziazione delle responsabilità e dei meccanismi delle competenze ci impedisce di raggiungere quest’obiettivo.

      Nell'ambito della pubblica amministrazione, è essenziale introdurre un sistema per adottare efficaci decisioni fondate sull’apertura e sulla trasparenza; dobbiamo rivedere i principi e i meccanismi d’interazione tra gli organismi della gestione pubblica e il Consiglio dei Ministri: ogni ministero è tenuto a garantire la realizzazione della politica statale nella sfera assegnatagli ed essere pienamente responsabile del risultato finale.

Le agenzie dei comitati, delle ispezioni e dei centri, operanti nello status equivalente ai ministeri, sono subordinati ai ministeri competenti che cooperano direttamente con il governo e il parlamento. Considerando la situazione, sono necessarie le revisioni critiche e l'ottimizzazione dei compiti e della struttura del governo.

Tali cambiamenti consentiranno di eliminare più di cento organismi di gestione statale ed economica che svolgono funzioni identiche.

Uno dei più seri difetti della nostra attività è l'eccessiva centralizzazione delle funzioni e dei poteri dello stato.

Ad esempio, dei sessantaquattro tipi di licenze in questo periodo esistenti, ventuno sono emesse dal Gabinetto dei Ministri e quaranta dai dipartimenti centrali. L'emissione di tre tipi di licenze è di competenza dei khokimiyat regionali, mentre i khokimiyats distrettuali emettono solo un tipo di licenza.

La stessa situazione si osserva nell’ambito dell’elaborazione dei documenti riguardanti le procedure di licenza.

Dei 220 permessi solo undici si rilasciano in distretti o in città. Per altri 209 si è costretti a rivolgersi agli enti repubblicani e regionali. Com’è possibile ritenere una simile situazione normale?

Ad esempio, per ottenere una licenza allo scopo di aprire un asilo nido privato nel distretto di Shavat, l’imprenditore deve percorrere mille chilometri per recarsi a Tashkent e poi attendere la licenza per dei mesi.

Gli stessi fatti si ripetono anche nella selezione e collocazione del personale, assegnazione di crediti e risorse finanziarie e nell’approvazione di molte decisioni importanti a livello locale.

In sostanza le autorità locali non sono in grado di risolvere nemmeno le più semplici questioni e tutto questo ha un impatto negativo sul lavoro autonomo delle strutture nel risolvere problemi sociali ed economici a livello locale.

È necessario rinunciare all'eccessiva centralizzazione della gestione statale e trasferire molte competenze delle istituzioni centrali alle autorità territoriali.

Tenendo conto di queste circostanze, è stato istituito un incarico di supplenza dei khokims distrettuali, di città e regionali, per l'attrazione degli investimenti. Inoltre, è stata adottata una risoluzione sull'ulteriore aumento delle responsabilità degli organismi fiscali, finanziari ed economici per la formazione dei bilanci locali e la creazione di riserve aggiuntive. Le competenze delle autorità locali nella riforma del sistema di bilancio sono state ampliate.

Ora i responsabili dei khokimiyats distrettuali, di città e regionali, devono sfruttare queste opportunità e assumersi la responsabilità per la risoluzione dei problemi locali.

Il compito successivo consiste in un completo trasferimento di competenze per la selezione e il collocamento dei dirigenti responsabili per lo sviluppo economico e sociale dei territori ai khokims distrettuali e di città.

In seguito, i khokims distrettuali decideranno la nomina e la revoca dei dirigenti dei dipartimenti locali del servizio sanitario, dell’istruzione, dell’economia, della finanza, del controllo fiscale e di altre strutture.

Saranno riviste le competenze simili dei khokimiyat regionali e della città di Tashkent.

Contemporaneamente all’estensione dei poteri e dell’autonomia dei dirigenti locali, dobbiamo assolutamente accrescere le loro responsabilità per il risultato finale.

Un altro compito importante riguarda la suddivisione dei poteri dei khokims come responsabili del governo esecutivo e rappresentativo.

Negli ultimi anni sono stati consolidati il ruolo dei Kengash di deputati popolari e i poteri dei rappresentanti del popolo; i poteri dei partiti politici nella formazione degli enti governativi locali sono stati gradualmente ampliati ed è stato rafforzato il controllo dei deputati sugli organi esecutivi.

Dobbiamo ammettere che la situazione non è conforme ai principi democratici, quando il dirigente del Kengash locale e dell'organo esecutivo è lo stesso khokim.

I khokims fanno rapporto su importanti questioni per lo sviluppo territoriale ai Kengash locali, che a loro volta prendono le decisioni appropriate.

La domanda vien da se: come può essere considerata normale una situazione dove lo stesso khokim approva e valuta la propria attività?

La vita stessa dimostra che tale sistema ha un impatto negativo sull’attività dei khokims e dei Kengash.

Stiamo già lavorando a livello legislativo per risolvere la questione.

Dobbiamo creare le condizioni per consentire il controllo pubblico, attraverso i suoi rappresentanti, delle attività dei khokims nello sviluppo dei territori, nell’esecuzione del bilancio locale e nelle risoluzioni dei problemi comunitari.

Nella realtà odierna, l’apertura e la responsabilità dei funzionari nei confronti della società sono la condizione principale per l’efficace funzionamento dell’apparato statale.

Da questo punto di vista, dobbiamo creare nella rete Internet un’unica piattaforma per realizzare le proprietà statali e tutti gli appalti pubblici, al fine di ridurre le spese del bilancio, consentire una più efficace gestione della proprietà statale, risparmiando ingenti risorse finanziare.

 

Egregi connazionali!

Bisogna notare particolarmente, che nelle riforme, volte alla costruzione di una società civile aperta e assicurazione delle libertà e dei diritti umani, il ruolo principale appartiene alle organizzazioni non governative e non commerciali.

Attualmente nel paese operano più di 9 mila CNV (comunicazione non violenta), filiali e uffici di rappresentanza di 29 ONG (organizzazione non governativa) internazionali e straniere.

Sono stati adottati decreti e risoluzioni sul miglioramento e il sostegno dell’attività di organizzazioni non statali e non commerciali, come il fondo “Nuroniy”, l'Unione giovanile, il Consiglio delle aziende agricole e dei proprietari delle terre agricole, la Camera di Commercio e Industria, il Consiglio repubblicano per la coordinazione dell'attività degli organismi di autogestione cittadina.

Tuttavia, nonostante l'adozione di tali misure, nell'attività svolte da organizzazioni pubbliche, non si sente partecipazione debita nel costante studio e risoluzione dei problemi della popolazione. Le loro attività non incidono sul supporto alle donne che si trovano in una situazione sociale difficile, sulla prevenzione dei reati e della criminalità tra i giovani e le donne e sul loro inserimento lavorativo. Queste organizzazioni si occupano principalmente nella conduzione di eventi formali.

Spero, che dalla critica di oggi saranno tratte conclusioni appropriate e le CNV attiveranno il proprio lavoro.

Credo sia opportuno, creare un Consiglio consultivo per lo sviluppo della società civile sotto l'egida del Presidente della Repubblica dell'Uzbekistan, al fine di una collaborazione efficace tra organizzazioni non governative e non commerciali.

Voglio soffermarmi su un altro un altro problema attuale in questo campo: fin adesso non è stato formato un concreto meccanismo legale del controllo pubblico sulle attività degli enti statali.

Suddetta mancanza ostacola le ONG di dare una valutazione oggettiva all'esecuzione dei compiti assegnati agli organismi e ai funzionari statali.

Al fine di introdurre meccanismi efficaci e pratici per concretizzare il controllo pubblico nella gestione pubblica e dello stato, propongo di accelerare l'adozione della legge «Sul controllo pubblico» e creare consigli pubblici presso tutti gli enti governativi.

Tali consigli pubblici devono garantire la trasparenza dell'attività degli enti statali e svolgere un ruolo di contatto con la popolazione.

In questo periodo i mass media sono un fattore efficiente e molto rilevante nel rinforzamento dei principi democratici nella vita della società.

Per costruire un giornalismo professionale e moderno, bisogna prestare attenzione al sostegno finanziario dei media, in particolare, ai nuovi siti non governativi dell’informazione e dell’analisi, creando per questo scopo un fondo speciale di stato.

Oggi nel nostro paese operano oltre 1500 mass media diversi nella forma di proprietà, direzione, metodo di comunicazione delle informazioni. Certamente, tutti loro hanno bisogno del personale altamente qualificato. Purtroppo, nel paese non esiste ancora un'istituzione d'istruzione superiore corrispondente, che consentirebbe a risolvere in modo mirato questi compiti.

A questo proposito, considero necessario creare un'università di giornalismo e comunicazione di massa.

 

II. Obiettivi prioritari per garantire lo Stato di diritto e ulteriore riforma del sistema giudiziario e giuridico

 

         Onorevoli deputati e senatori!

Non mi stanco mai a ripetere una verità: la ratifica del principio di giustizia nella vita della società deve diventare il nostro compito principale.

Quest'anno, è iniziato il lavoro su vasta scala per garantire l’effettiva indipendenza del potere giudiziario. In particolare, al fine di migliorare ulteriormente la struttura dei tribunali e il sistema di selezione e nomina dei giudici, è stato istituito il Consiglio giudiziario supremo.

Il consiglio ha stabilito un controllo pubblico efficiente sulla selezione e sulla nomina dei giudici.

Dobbiamo continuare le riforme in questo settore. Penso che sarebbe appropriato creare presso l’Oliy Majlis una commissione per sostenere l'indipendenza del potere giudiziario.

Questa Commissione, generalizzando gli appelli dei cittadini, le questioni sollevate durante le riunioni e attraverso l’interpellanza parlamentare, dovrà analizzare la situazione reale e, in seguito, adottare misure volte a risolvere i problemi accertati insieme con la Corte Suprema e il Consiglio Giudiziario Supremo.

Per garantire l’autentica indipendenza della magistratura, è innanzitutto necessario tutelare i giudici dai fattori che influenzano l’amministrazione della giustizia. È importante individuare i casi d’interferenza nelle indagini e funzioni dei tribunali, aumentarne la responsabilità e per garantire l'inevitabilità della punizione.

Noi continueremo sicuramente a lavorare sull'introduzione del "Habeas Corpus" e rafforzeremo il controllo giudiziario nel corso delle indagini. In seguito sarà necessario trasferire ai tribunali il diritto di emettere i mandati di perquisizione e intercettazioni delle conversazioni telefoniche di persone sospettate di aver commesso il crimine.

Presteremo particolare attenzione alla liberalizzazione di alcune azioni e alla loro esclusione dalla categoria dei crimini, alla riduzione della pena dal punto di vista umanistico.

A questo proposito, è necessario adottare e attuare il Concetto di sviluppo del Diritto processuale penale negli anni 2018-2021.

Seguendo la tradizione della misericordia e della generosità del nostro popolo, è necessario rivedere il periodo di prescrizione dei reati.

Dobbiamo formare l'Accademia di giustizia della Repubblica dell'Uzbekistan per la formazione di giudici altamente qualificati,.

Com’è stato notato all'incontro dedicato al Giorno della Costituzione, in Uzbekistan d'ora in poi non saranno ammessi casi di tortura, d’influenza e pressione mentale e fisica, di altri tipi di violenza nei confronti delle persone arrestate e condannate.

Un funzionario delle forze dell’ordine che commette un atto del genere o una persona che esegue «l'ordine» di qualcuno, ne sarà a sua volta ritenuto responsabile.

Un ulteriore miglioramento della legislazione d'applicazione ed esecuzione della pena è di particolare importanza, considerando la creazione di meccanismi aggiuntivi per garantire i diritti dei detenuti.

Basandosi sullo studio critico del sistema delle istituzioni penali, si prevede l'adozione di un programma di misure appropriate negli anni 2018-2022.

Al fine di prevenire le violazioni dei diritti umani, tutte le celle di isolamento adibite alla detenzione temporanea e alla custodia cautelare durante le indagini preliminari e la fase processuale saranno dotate di apparecchiature di videosorveglianza.

Dal prossimo anno, al fine di prevenire casi di corruzione e abuso di potere, equipaggeremo i servizi di pattugliamento stradale e di sorveglianza dei dipartimenti per gli affari interni con videocamere,al fine di registrare in tempo reale lo svolgimento dei loro compiti, in particolare la comunicazione con i cittadini.

Attualmente, le collocazioni obsolete dei posti di blocco del pattugliamento stradale tra le regioni limitano la libera circolazione e hanno un impatto negativo sulle relazioni commerciali ed economiche e sullo sviluppo del turismo interno ed estero.

Oggi si contano più di sessanta posti di blocco sul territorio del nostro paese. Ad esempio, un cittadino viaggiando in auto dalla regione di Khorezm alla città di Tashkent né incontra diciassette, e dalla valle di Fergana otto.

A questo proposito, è necessario eliminare tutte le postazioni di pattugliamento stradale dai confini delle regioni, riducendo significativamente il numero di posti di blocco e pattuglie fisse.

Al fine di costruire uno stato democratico e di diritto, dobbiamo migliorare il sistema di formazione del personale giuridico, devoto alla propria professione, in possesso di una qualifica elevata e di conoscenze approfondite in conformità agli standard internazionali.

Ogni anno gli istituti di istruzione superiore, dotati di dipartimenti di giurisprudenza, ammettono circa 600 studenti, numero che rappresenta solo l'1% del totale degli studenti iscritti a tutte le università del paese.

Come può solo l’1% soddisfare il bisogno crescente del nostro stato e della società nel personale di professioni giuridiche? Non può.

Parallelamente all'espansione della base educativa e metodologica dell'Università Statale di giurisprudenza di Tashkent, è necessario aprire nel paese altre filiali di prestigiose università straniere specializzate in materia.

Nel nostro paese prosegue un lavoro per sviluppare la professione di avvocato. Dobbiamo adottare delle misure per migliorare le attività dei legali nel prestare servizi di consulenza e assistenza giuridica agli imprenditori.

Abbiamo bisogno di creare migliori condizioni per gli avvocati allo scopo di espandere le loro attività più richieste: servizi di consulenza, in particolare il sostegno agli imprenditori nel rilascio di permessi, rappresentanza negli organi governativi, risoluzione delle controversie, assistenza legale per le questioni lavorative e aumento della cultura legale della popolazione.

Purtroppo, finora, nella maggior parte dei casi, il compito principale delle forze dell'ordine e degli organi giudiziari rimane l'esecuzione di misure repressive.

A questo proposito, voglio sottolineare che il nostro popolo è stanco di essere chiamato in causa sulla base di calunnie e false prove. Che tutti i funzionari delle forze dell'ordine se lo ricordino bene.

È passato il tempo di invadenza in tutti i campi, nascondendosi dietro “l'ufficio”, perseguendo il proprio tornaconto, trascurando gli interessi della Patria e del Popolo.

D'ora in avanti, nessuna persona dovrà essere ritenuta responsabile in base a prove fittizie, diffamazione e calunnia. È indispensabile creare solide garanzie per l’osservanza rigorosa delle norme della Costituzione e le leggi: dobbiamo creare un sistema dove nessun organismo delle forze dell'ordine potrà commettere un abuso d’ufficio o duplicare le funzioni di altri enti.

Gli organismi degli affari interni devono assicurare l'ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini, mentre gli organi per la sicurezza nazionale devono proteggere lo stato dalle minacce interne ed esterne. L'ufficio del pubblico ministero è chiamato a sorvegliare sull'esecuzione delle leggi. Il compito principale dei tribunali è garantire la giustizia ed emettere le sentenze ragionevoli ed eque in ciascun caso.

Nel 2017 sono stati avviati ampi lavori per riformare radicalmente le attività dei tribunali, dell'ufficio del pubblico ministero e degli organi degli affari interni; sono stati determinati i compiti concreti di questi dipartimenti, volti a mirare la loro attività a servire gli interessi del popolo.

Certo, è troppo presto per dichiarare che le leggi, decreti e risoluzioni adottati in quest’ambito si osservano pienamente.

Nonostante le misure adottate, gli organi degli affari interni non sono ancora una struttura che realmente si preoccupa del popolo:

Il lavoro della procura per garantire lo stato di diritto nella società è insufficiente e nemmeno la magistratura è un'istituzione in cui trionfa la giustizia in qualsiasi circostanza.

Non si può affermare che le attività di tutti i dipendenti di queste istituzioni siano pienamente orientate alla tutela dei diritti costituzionali dei nostri cittadini.

In futuro proseguiremo decisamente e coerentemente con le riforme in questo settore: il popolo stesso valuterà il lavoro degli organi giudiziari e delle forze dell'ordine ed il loro unico e più alto requisito sarà quello di servire e tutelare gli interessi e i diritti dei cittadini.

È fondamentale non permettere la concentrazione di tutti i poteri e delle risorse all’interno di un’unica agenzia e la violazione del principio dei pesi e contrappesi.

È opportuno notare che ancora oggi gli organi del Servizio di sicurezza nazionale operano secondo un regolamento approvato dal governo ventisei anni fa ed è rimasto invariato per più di un quarto di secolo; questo faceva si che qualsiasi problema fosse eguagliato ad una minaccia alla sicurezza nazionale e di conseguenza si espandeva infondatamente l'autorità dell’istituzione SSN.

Insieme con questo, la situazione instabile in alcune regioni del mondo porta all'intensificazione dei processi migratori, e ciò, a sua volta, causa la propagazione del terrorismo e dell'estremismo, trasformandoli in un problema globale.

In tali circostanze il nostro compito prioritario deve consistere nel preservare il nostro stato nazionale, l'indipendenza, la vita pacifica e tranquilla e la sicurezza della nostra gente.

Proprio da questo punto di vista, tenendo conto delle crescenti minacce contemporanee, è giunto il momento di riformare l’attività del Servizio di sicurezza nazionale.

A questo proposito, propongo di sviluppare e adottare le leggi «Sulle forze dell'ordine» e «Sul Servizio di sicurezza nazionale».

Penso che l'adozione di suddette leggi creerà solide e affidabili garanzie per l'ulteriore rafforzamento dei diritti e delle libertà costituzionali e per la serenità nella vita dei nostri cittadini. 

 

III. Obiettivi prioritari per lo sviluppo e la liberalizzazione dell'economia.

 Gentili amici!

 

Tutti noi capiamo bene che qualsiasi riforma o cambiamento non è fattibile senza un'economia stabile.

 L'anno scorso abbiamo dato inizio a un ampio lavoro in questa direzione.

Tuttavia abbiamo ancora tanti compiti da affrontare per rafforzare l'economia nazionale prima di raggiungere il livello di paesi sviluppati.

 Oggi nel mondo sta crescendo il numero di paesi in via di sviluppo dinamico attraverso l'introduzione di innovativi modelli di sviluppo, l'esportazione di migliori pratiche, "know how" e di tecnologie "intelligenti".

Purtroppo, non si può affermare che il lavoro attuato in questo campo nella nostra repubblica sia soddisfacente.

Secondo i dati del Fondo monetario internazionale, l'Uzbekistan occupa la 134° posizione nella lista di 187 paesi del mondo ordinata per PIL nominale procapite.

Eppure l'Uzbekistan possiede una ricchezza delle risorse naturali e un notevole potenziale economico. Il sottosuolo uzbeko è ricco di oro, argento, rame, uranio, petrolio, gas naturale, carbone e di altri minerali. Nel nostro paese si possono trovare tutti gli elementi della tabella Mendeleev.

Ditemi, dove altro c'è una tale terra fertile con un ottimo clima e con tanti giorni di sole durante l’anno?

Il problema consiste in un uso razionale ed efficace di questa ricchezza inestimabile per il bene del popolo. Ma dobbiamo ammettere che siamo rimasti indietro in questo ambito.

 Ad esempio, nel 2017 il volume dell’estrazione di gas naturale nel paese ammontava a 56,5 miliardi metri cubi, ma le sue perdite sono molto elevate circa 20 – 23%, a causa del mancato ammodernamento del settore per diversi anni.

Naturalmente, questo stato delle cose deve preoccupare tutti noi.

L'economia, prima di tutto, si basa su calcoli precisi. In ogni nostra attività il calcolo deve essere al primo posto.

Ad esempio, per il 2018 si prevede di estrarre 66 miliardi metri cubi di gas naturale, di cui 17 miliardi metri cubi saranno trasmessi all’Uzbekenergo S.p.A. per la produzione di 56 miliardi kilowatt di elettricità. Purtroppo, circa il 15-20% di energia elettrica si sperde improduttivamente in rete non raggiungendo i consumatori, perché le nostre linee di trasmissione sono obsolete.

Un altro esempio: le imprese della società "Uzkimyosanoat", consumano dieci miliardi metri cubi di gas naturale producendo fertilizzanti minerali. Le aziende agricole non avendo effettuato il pagamento della loro consegna tempestivamente, hanno causato alla società "Uzkimyosanoat" un indebitamento per il gas naturale pari ai 890 miliardi di sums al 1° dicembre 2017.

È chiaro che nelle condizioni di mercato il fornitore dei prodotti e il consumatore devono pienamente e tempestivamente adempiere i termini contrattuali per evitare tali situazioni.

Un problema serio rimane l’obsoleto sistema di gestione economica e l’inattiva introduzione di idee innovative. In più anche l'arretratezza tecnologica e lo scarso uso delle fonti energetiche rinnovabili ne ostacolano lo sviluppo economico.

In aggiunta, gravi errori nella definizione e attuazione dei grandi progetti e nella gestione irrazionale degli investimenti esteri frenano lo sviluppo economico.

Secondo gli esperti la maggior parte dei prestiti concessi in venticinque anni non hanno generato un effetto economico previsto. Per esempio, il complesso chimico di Ustyurt costruito in Karakalpakistan non produce i benefici economici calcolati, contrariamente alle forti dichiarazioni “sul miglior progetto internazionale”, rilasciate da alcune "figure" del Ministero delle Finanze. Ma dov'è il risultato?

La stessa situazione si ripete anche con una serie di programmi sociali relativi ai bisogni urgenti della gente. Per esempio, negli ultimi dieci anni, per l’attuazione di diciassette progetti sono stati attratti degli investimenti esteri per un importo complessivo di più di 618 milioni di dollari statunitensi, al fine di garantire la fornitura d’acqua potabile alla popolazione. Se i dirigenti di questi progetti avessero investito lo stesso volume di valuta nel miglioramento delle condizioni di vita della popolazione e avessero ottenuto degli effetti concreti, avremmo potuto ringraziarli. Sfortunatamente, nessuno dei progetti iniziati è stato portato a termine.

Prima di tutto, dobbiamo creare un efficace sistema di attrazione degli investimenti e prestiti esteri, e soprattutto imparare ad utilizzare con parsimonia ogni centesimo.

Da questo punto di vista, dobbiamo dare importanza alla creazione di un programma innovativo, alla formazione del personale di nuova generazione capace di usare efficacemente innovazioni e investimenti, al sostegno e allo sviluppo della classe imprenditoriale.

Per questi fatti dobbiamo studiare approfonditamente un programma di sviluppo tecnologico dell'Uzbekistan e di modernizzazione del mercato interno.

L’attuazione di tale programma deve creare nuove opportunità per l'Uzbekistan e permettere al nostro paese di assicurarsi un posto dignitoso tra gli stati sviluppati del mondo.

Capiamo bene che i prezzi bassi delle principali risorse energetiche nel nostro paese non sono giustificati nelle condizioni di economia di mercato.

Ad esempio, un megawatt/ora di energia elettrica per la popolazione e le imprese industriali in Uzbekistan costa 25 dollari USA, mentre in Germania il prezzo per la popolazione è di 332 USD e per le imprese è di 144 USD, in Russia 47 e 51 USD e in India 68 e 87 USD rispettivamente.

Il prezzo di 1000 metri cubi del gas naturale in Uzbekistan è di 32,9 dollari statunitensi, mentre in Svezia è di 1552 USD, in Portogallo è più di 1132 USD, in Italia è di 1045 USD, in Germania è di 785 USD, in Inghilterra è oltre 770 USD, in Russia, il prezzo supera 83 USD, in Kazakistan è di 45 USD. Come potete vedere, in Uzbekistan i prezzi dell’energia elettrica e delle risorse naturali sono più volte inferiori rispetto a quelli stabiliti nei paesi sviluppati. Tuttavia, risulta difficile ridurre costi di produzione più bassi a causa dell'uso irrazionale delle risorse.

Al fine di migliorare l'efficienza dell’utilizzo delle risorse di energia, dobbiamo riformare il settore energetico del paese, sviluppare una strategia specifica in questo ambito.

Prima di tutto, è necessario privatizzare imprese inefficienti e non redditizie, sciogliere il monopolio, creare un ambiente competitivo nel settore dell'approvvigionamento di energia elettrica, promuovendo l'utilizzo di fonti energetiche alternative. Ciò richiede una transizione verso meccanismi di finanziamento della produzione, coinvolgendo il settore privato.

In sintonia con il titolo “Il 2018 è l’anno di sostegno all’imprenditorialità attiva, alle idee e alle tecnologie innovative”, adotteremo delle misure complesse, al fine di sostenere questo settore e cancellare gli impedimenti che ostacolano lo sviluppo dinamico e stabile dei soggetti imprenditoriali.

Purtroppo, ci sono ancora molti problemi nello sviluppo dell'attività imprenditoriale.

Perché nel nostro paese lo sviluppo dell'imprenditorialità non è al livello adeguato? Francamente, noi stessi, gli organi di governo, ne siamo in parte colpevoli: sono ancora in vigore inutili procedure; molti funzionari locali perseguono solo i propri avari interessi.

Parlando di quest’argomento, mi vengono in mente le parole di un famoso statista e politico Winston Churchill: "… Alcune persone vedono un’impresa privata come una mucca da mungere, pochissimi la vedono com’è in realtà: un robusto cavallo che traina un carro molto pesante (l’economia)".

 Penso che non ci sia bisogno di commentare queste parole.

 L'economia di mercato pretende un equo accesso alle risorse e alle opportunità per tutti senza avvantaggiare nessuno.

Da questo punto di vista, non si può considerare legittima la concentrazione dell'importazione della produzione necessaria per soddisfare le esigenze di consumo della nostra popolazione nelle mani di singoli gruppi, divenuta per loro una fonte d’arricchimento ingiustificato.

Agevolando alcune imprese con i benefici speciali, noi stessi freniamo la libera concorrenza e di conseguenza, condizioniamo negativamente la stabilità dei prezzi.

D'ora in poi, aboliremo questa pratica e creeremo le condizioni di parità per tutti. I benefici non saranno più concessi alle singole imprese, ma a determinati tipi di produzione e servizi per incoraggiare una maggiore attività. È assolutamente inammissibile una monopolizzazione di principali settori dell'economia, sfruttando tali benefici.

Al fine di creare un’equa e leale concorrenza è stato sviluppato e proposto per la discussione pubblica un progetto di Legge "Sulle misure per garantire in modo efficace la sicurezza alimentare del paese".

È risaputo che la complessità delle nostre procedure doganali è uno dei principali fattori che ritardano lo sviluppo dell'imprenditorialità.

Secondo i dati della Banca Mondiale, l'Uzbekistan occupa il 175° posto tra 190 Stati membri per la complessità burocratica della registrazione dei documenti del commercio import- export.

Per esempio, per la registrazione dei documenti doganali in Belgio è sufficiente un'ora, da noi ci vuole quasi un mese.

Le merci importate sono sottoposte ad un controllo doganale separato. Perché sul territorio del nostro paese lo stesso carico è soggetto a più controlli? Chi è interessato a questo? In fondo, ogni singolo controllo comporta delle spese.

Inoltre, secondo i tipi di merci non è consentito esportarle dal deposito senza certificati conformi, igienici o veterinari, anche se ogni nostro deposito doganale è dotato di un laboratorio! Ma quanto sono aperti e trasparenti i processi doganali e perché le autorità responsabili del settore tacciono?

In tutti i paesi sviluppati, il sistema dei controlli doganali si basa sull’analisi dei rischi per la salute e la sicurezza (sistema di allarme RAPEX), risparmiando così sia le risorse statali sia il tempo degli imprenditori. Ma noi non abbiamo ancora introdotto un simile sistema. 

A partire dall’anno prossimo, sarà introdotto il sistema del controllo doganale a doppio corridoio: un corridoio verde per dichiarare merci ai fini non commerciali e uno rosso per le operazioni doganali.

A questo proposito, il Consiglio dei Ministri (A. Aripov) è stato incaricato di elaborare la progetto della risoluzione entro due mesi e di presentarla per l’approvazione come previsto da regolamento.

È indispensabile rivedere il sistema di controllo dei soggetti imprenditoriali, rafforzare la lotta contro le ispezioni illecite e le interferenze indebite nelle attività commerciali private.

Dobbiamo ammettere che il lavoro del Consiglio Repubblicano per il coordinamento delle attività degli organi di controllo non corrisponde alle esigenze dell’era moderna.

Pensate voi stessi: sia l'organo di lavoro, sia l'organo che esegue il maggior numero delle ispezioni è lo stesso ufficio delle imposte. Il medesimo ente autorizza se stesso di eseguire le verifiche, dov'è la logica?

Perciò, ritengo opportuno di passare al sistema elettronico di autorizzazioni per le ispezioni e assegnarne l’osservazione costante alla Procura Generale.

Nel 2018, l’anno di sostegno all’imprenditorialità attiva, alle idee e alle tecnologie innovative, abbiamo  intenzione di sospendere le ispezioni della delle attività economiche e finanziarie per due anni. Che ne pensate? 

È doveroso che i capi degli organi di controllo, guidati dal Procuratore Generale, organizzino riunioni mensili con i soggetti imprenditoriali e prestino attenzione alle preoccupazioni degli imprenditori, prendendo successivamente delle misure per accertare ed eliminare le difficoltà che impediscono quelle attività commerciali legittime.

Non dobbiamo escludere dalla protezione dei diritti degli imprenditori la Camera di Commercio e Industria. Tuttavia, questo ente non deve limitarsi solamente alla discussione dei difetti delle autorità statali e dei funzionari, ma condannare rigorosamente atti disonesti, in particolare i reati commessi dagli imprenditori. In poche parole, la comunità imprenditoriale stessa deve assicurare la chiarezza tra i suoi ranghi.

Un'altra questione importante riguarda la revisione radicale delle funzioni del Centro di coordinamento e sviluppo del mercato dei valori, al fine di un’ulteriore sviluppo del mercato azionario e della Borsa valori nel paese.

Continueremo a lavorare sulla concessione in uso al settore privato di beni immobili di proprietà statale nei termini di collaborazione.

Bisogna stabilire una procedura unificata per la concessione dei terreni agli imprenditori e altri aventi diritto tramite commercio elettronico e aste su Internet. A tal fine, nel 2018 sarà creato un sistema per la vendita dei beni di proprietà dello stato attraverso piattaforme commerciali elettroniche.

Un sistema bancario e finanziario affidabile e stabile svolge un ruolo importante nello sviluppo dell'economia. Senza aumentare la fiducia della popolazione e dei soggetti imprenditoriali al sistema bancario, non saremo in grado di liberarci completamente dall'economia sommersa.

Nell’attuazione degli obiettivi impostati per lo sviluppo del sistema bancario nel 2018, dovremo prestare particolare attenzione al sostegno di una cooperazione redditizia e reciprocamente vantaggiosa tra le banche e i soggetti imprenditoriali.

Nonostante i dubbi e i "suggerimenti" di alcuni "esperti", oppositori della riforma del mercato monetario, abbiamo iniziato a liberalizzare la moneta in tempo minimo, tenendo conto degli standard internazionali. Ma capiamo benissimo che questo è solo l'inizio delle riforme in questo settore.

La politica monetaria deve corrispondere pienamente agli interessi dello sviluppo economico, rappresentando un incentivo positivo per gli investimenti.

Nel 2018, rinunceremo ai provvedimenti severi nell'attuazione della politica fiscale, visto che nel periodo delle riforme per un funzionamento ininterrotto del sistema statale è fondamentale la stabilità del bilancio dello Stato.

Al fine di aumentare l'attrattiva del paese per gli investitori che intendono realizzare i grandi progetti d’investimento in Uzbekistan, dobbiamo fare ancora molto per migliorare il sistema del fisco: ridurre e ottimizzare l'onere fiscale per tutte le categorie delle imprese, incrementare la produzione e la base imponibile.

Ai soggetti delle PMI che eseguono i lavori di costruzione per proprie esigenze, bisogna concedere il diritto di rateizzazione del pagamento d'imposta unica. Tuttavia, è necessario incoraggiare le piccole imprese al pagamento dell'imposta sul valore aggiunto.

Inoltre, è necessario sviluppare una politica d’incentivazione per le imprese in crescita e in via di sviluppo dinamico.

Nell’accordare delle agevolazioni fiscali, propongo di elargire questi benefici solo ad alcuni settori dell'economia, astenendosi dal concederli alle singole imprese.

Dal punto di vista degli investitori, il fattore importante nel sistema fiscale è la determinazione e la comprensibilità a lungo termine. A questo proposito, nel sistema fiscale bisogna costruire una politica attentamente ponderata di lungo termine.

Dobbiamo ristudiare il sistema di bilancio, garantire per il popolo la trasparenza delle entrate e delle spese del bilancio.

Va notato che alla riunione del Senato sono state approvate importanti leggi riguardanti il bilancio dello Stato della Repubblica dell'Uzbekistan per il 2018 e il miglioramento del sistema fiscale.

Prima di firmarle, presterò particolare attenzione se queste leggi manifestano gli interessi del nostro popolo, se prendono in considerazione le misure specifiche per creare condizioni ancora più favorevoli per gli imprenditori, gli investitori e allo sviluppo territoriale. E se sarà necessario, sono pronto a rivedere le suddette leggi dal punto di vista della gente comune e degli imprenditori.

 

Cari amici, quale pensate che sia il nostro problema più grande?

Non abbiamo un concetto a lungo termine che sia unificato e strutturato con cura, al fine di formare dei progetti d’investimento.

Nel corso di ogni visita di Stato stipuliamo accordi sull'attrazione degli investimenti esteri per diversi miliardi di dollari statunitensi. Ma la loro attuazione è lenta, perché in questo settore siamo privi di un sistema efficiente.

I programmi d’investimento operanti non contengono informazioni riguardanti un determinato progetto: formando dei programmi, il Ministero dell'Economia, e i khokimiats locali tuttora inseguono solo i numeri. Loro infilano nel programma progetti inutili, che non producono alcun vantaggio economico, con fonti di finanziamento poco chiari, e attribuiscono una sopravvalutazione ingiustificata dei costi dei progetti … in breve: ci stanno prendendo in giro.

È giunto il momento di sopprimere tali fenomeni. Abbiamo deciso di eliminarli e attrarre investimenti nel settore reale dell'economia, introducendo nuovi meccanismi nella formazione dei progetti.

Basta con finti programmi d’investimento, elaborati frettolosamente e solo per "mettere una spunta", d'ora in poi saranno programmati concetti di sviluppo a lungo termine. A tal fine, come primo passo sono stati adottati i Programmi Statali di sviluppo della Repubblica dell'Uzbekistan ed è stato istituito il Fondo per il loro finanziamento.

Uno dei compiti più importanti nello sviluppo economico è il coinvolgimento, sotto forma d’investimento, del capitale della popolazione, con l'aumento del loro interesse per l'imprenditorialità.

A tal fine, propongo di creare su Internet un Portale d’investimenti, che consentirà l’accesso agli investitori, locali e stranieri, a tutti i dati statistici necessari e alle informazioni sulle condizioni create per gli affari nel paese.

Considerando l’esperienza estera, è indispensabile creare la copertura per telefonia mobile gratuita H24 per tutti gli investitori. Inoltre, bisogna pensare ad un sistema d’incentivazione per gli investitori stranieri per convincerli a reinvestire nel paese il capitale invece di ritirarlo.

Dobbiamo aumentare l'attività dei khokims, dei capi delle istituzioni statali e delle organizzazioni in materia di espansione, nella collaborazione con gli investitori stranieri, dalla creazione di nuovi tipi di produzione e di nuovi posti di lavoro.

Cominciando dal 2018, pubblicheremo l’elenco delle nuove condizioni create appositamente per gli investitori nei territori locali, e le attività dei dirigenti regionali saranno valutate in base agli indicatori della classifica.

Sappiamo che ad oggi in 33 paesi del mondo operano le ambasciate del nostro paese. A questo proposito, sorgono spontaneamente delle domande: il Ministero degli Affari Esteri, utilizza al massimo le opportunità per aumentare l'attrattiva del nostro paese agli investimenti esteri? Il lavoro dei consiglieri sulle questioni commerciali ed economiche nelle ambasciate corrisponde ai parametri della realtà odierna?

Purtroppo, i nostri diplomatici considerano secondarie le questioni dell'economia e degli investimenti. Sono impegnati solo in "politica". Alle nostre ambasciate mancano gli specialisti in questione di economia, finanza e investimenti.

A questo proposito, propongo di introdurre un sistema di valutazione delle conoscenze e delle competenze economiche di ciascun dipendente dell'ambasciata prima della sua nomina. 

  

Gentili amici!

Va notato che nella sfera economica estera ci sono grandi opportunità e riserve ancora non utilizzate.

A tal fine, continuiamo a espandere le relazioni commerciali ed economiche e con gli stati centroasiatici e con i nostri principiali partner: la Cina, la Russia, la Corea del Sud, gli Stati Uniti, la Turchia, i paesi dell'Unione Europea.

L'anno prossimo, presteremo particolare attenzione alle infrastrutture di trasporto:corridoi sicuri di trasporto e di transito per la consegna delle merci del commercio estero dell'Uzbekistan ai più grandi mercati del mondo e della regione.

Al momento, trasportiamo i nostri carichi principali mediante i corridoi di transito del Kazakistan e la maggior parte di merce passa per la stazione "Saryagach". Non possiamo sostenere che questa rotta sia soddisfacente: numero insufficiente di locomotive elettriche per il trasporto merci da questa stazione al territorio dell'Uzbekistan, pochi terminali moderni e intasamenti sulla rete ferroviaria causano una sosta prolungata di merci e incidono negativamente sulla nostra economica.

Pertanto, dobbiamo diversificare le rotte logistiche e aprire negoziati mirati con i nostri vicini.

È necessario incrementare le capacità d'infrastruttura di trasporto e comunicazione dell'Uzbekistan nell'ambito del progetto "Una cintura, una via", intrapreso insieme con la Repubblica Popolare Cinese,.

Dovremo ragionare e riflettere seriamente sull’applicazione delle agevolazioni per il trasporto dei nostri principali carichi d’esportazione attraverso i territori dei paesi di transito, in particolare del Turkmenistan, dell'Iran, del Kazakistan, della Russia, dell'Azerbaigian e della Giorgia.

Dobbiamo incoraggiare le iniziative degli investitori stranieri e locali sull’attuazione degli specifici progetti logistici.

Al fine di creare delle condizioni favorevoli per i soggetti imprenditoriali e sostenere i trasportatori nazionali, propongo di creare un Portale Nazionale di logistica.

L'anno prossimo riprenderemo i negoziati sull'adesione all'Organizzazione mondiale del commercio. È indispensabile adeguare il sistema di regolamento tecnico agli standard internazionali, al fine di dare ulteriore impulso all’export. Uno dei nostri compiti principali è fare arrivare sul mercato estero prodotti certificati e di alta qualità con il marchio uzbeco.

Attualmente il turismo é uno dei settori più redditizi dell'economia nazionale.

L'Uzbekistan é un paese con un enorme potenziale turistico: più di 7300 oggetti del patrimonio culturale, tra cui molti sono inclusi in un apposito elenco dell’UNESCO.

Allo stesso tempo,la natura unica del nostro paese e le incantevoli aree ricreative,ci offrono l’opportunità di creare nuove direzioni per lo sviluppo turistico.

Proseguiremo con il lavoro iniziato sul coinvolgimento attivo di marchi mondiali, prestando attenzione allo sviluppo del pellegrinaggio, del turismo ecologico, formativo, etnografico, gastronomico e di altri tipi.

Dobbiamo considerare che partenariato pubblico – privato mette a disposizione le ampie opportunità per aumentare il potenziale del turismo.

Dobbiamo sviluppare un programma di "hajj minore" (Umra), cioè il pellegrinaggio in luoghi sacri e familiarizzazione con i monumenti nelle città di Samarcanda, Bukhara e Tashkent.

Non dimentichiamoci del turismo domestico, dobbiamo pienamente mettere in azione le sue capacità.

Vice Primo Ministro S. Holmurodov e Presidente del Comitato di Stato per lo sviluppo turistico A. Abduhakimov hanno una settimana a disposizione per elaborare e presentare i documenti con la risoluzione di queste questioni.

 

Egregi partecipanti all'incontro!

Vorrei soffermarmi sugli argomenti di fondamentale importanza per la nostra economia: l’agricoltura e compiti cruciali da affrontare.

Ne abbiamo già discusso in dettaglio all'incontro del 9 dicembre dedicato alla Giornata dei lavoratori agricoli e senza ripetere ciò che è stato detto, richiamo la vostra attenzione sulle seguenti importanti questioni.

Oggi oltre il 51% della popolazione del nostro paese vive in aree rurali. Tuttavia, la quota di prodotti agricoli del PIL nazionale è inferiore al 17%, il volume della trasformazione dei prodotti agricoli è sotto il 10%, mentre nei paesi sviluppati questo indicatore, supera il 50%.

A tale riguardo, ritengo necessario sviluppare un programma complesso per un'ulteriore riforma dell'agricoltura,attribuendo particolare importanza alla garanzia della sicurezza alimentare.

Occorre prestare attenzione a stabilire un rigido controllo sul divieto della coltivazione di prodotti alimentari geneticamente modificati.

Certo, non possiamo fare a meno di preoccuparci del fatto che negli ultimi anni si importino sempre più prodotti ortofrutticoli nei mercati del nostro paese.

Per affrontare una tendenza così negativa, è necessario innanzitutto ripristinare le nostre specie tradizionali di frutta e verdura a rischio di estinzione; avviare un lavoro di selezione razionale ed efficace, utilizzando risultati scientifici e sviluppi innovativi.

Com’è noto, l'industria tessile dell'Uzbekistan è in grado di trattare fino a 1 milione e 400 mila tonnellate di fibra di cotone, sufficienti per soddisfare pienamente le esigenze dei produttori nazionali di prodotti finiti.

Nella gestione del trattamento della fibra di cotone sono ancora presenti molteplici problemi, che causano diminuzione della redditività della produzione e della trasformazione del cotone grezzo.

È stato adottato un DPR sulla risoluzione dei problemi del settore e sulla promozione dei produttori nazionali. In particolare l’adozione del DPR consente alle imprese tessili nazionali, che finora, compravano le materie  prime solo dalla società Uzpahtasanoat S.p.A., di acquistare cotone grezzo direttamente dagli agricoltori in  base ai contratti diretti.

Nell'ambito dell'organizzazione dei cluster tessili nelle regioni di Navoi, Bukhara e Syrdarya, è stato messo in atto il sistema di prova per coltivare le materie prime di cotone, stabilirne dei prezzi e venderle in conformità a meccanismi di mercato.

Il tempo presente richiede la padronanza di questa esperienza positiva in tutto il paese.

Inoltre, dobbiamo creare le condizioni per la crescita del bestiame e pollame, migliorare la produttività e la qualità del prodotto nell’ambito dell’allevamento del bestiame.

Entro poco tempo, dobbiamo creare in ogni distretto allevamenti da ingrasso, fabbriche di pollame ad alta tecnologia e fattorie in serra.

Attualmente esportiamo prodotti ortofrutticoli per un valore di 1,2-2 miliardi di dollari statunitensi. In questo contesto, vorrei sottolineare che siamo in grado di incrementare il volume delle esportazione della produzione ortofrutticola fino a 10-15 miliardi di dollari l’anno.

La società UzagroExport, le borse di commercio, le aziende agricole e grossiste dovrebbero svolgere un ruolo importante nei processi della raccolta, stoccaggio ed esportazione della frutta e verdura.

Al fine di organizzare in modo efficace la vendita di prodotti agricoli, è necessario creare un singolo database sui volumi dei prodotti coltivati in aziende agricole.

 

Egregi rappresentanti del popolo!

Vorrei soffermarmi brevemente sui compiti di accelerazione dello sviluppo economico delle regioni.

Ritengo opportuno estendere i poteri, le opportunità e le responsabilità degli enti locali in questa materia.

Gli investimenti diretti ricadono principalmente sulle città di Tashkent, Samarcanda e valle di Fergana, mentre nove regioni del paese fino a oggi non hanno organizzato alcun progetto con la partecipazione d’investimenti esteri.

I progetti regionali per l'organizzazione delle moderne reti di produzione e d’ingegneria delle comunicazioni, dovrebbero essere attuati attraverso ampliamento del partenariato pubblico - privato.

Il lavoro in questa direzione non si svolge a un livello adeguato. Dobbiamo quindi sviluppare e attuare il Concetto d’introduzione del partenariato pubblico - privato.

L’edilizia del paese rappresenta un importante settore dell'economia, con un grande potenziale ancora da attivare.

Uno dei compiti principali per l'anno prossimo consiste nel riformare e accelerare lo sviluppo del settore edile. Dovremmo seriamente ragionare sulla creazione di moderne organizzazioni di costruzione e sulla formazione di una nuova generazione di costruttori.

A tal fine, sarà sviluppato un programma per lo sviluppo innovativo del settore dell’edilizia fino al 2030.

Creeremo tutte le condizioni necessarie per coinvolgere esperti stranieri altamente qualificati e promuovere tirocini di specialisti nazionali all'estero.

Nel 2018, proseguiranno i lavori per migliorare ulteriormente l'aspetto architettonico delle nostre città e villaggi.

Non dobbiamo dimenticare che ogni edificio: un asilo o un ospedale, oltre a svolgere le proprie funzioni, influisce esternamente sull'umore delle persone. Pertanto, dovremmo abbandonare i vecchi modelli di costruzione e introdurre approcci innovativi alla progettazione di strutture sociali, che saranno costruite nelle regioni.

Tenendo conto delle esigenze della popolazione, in particolare delle giovani famiglie, dei proprietari di vecchie abitazioni e dei cittadini di altre categorie, dobbiamo andare avanti a un ritmo elevato con la costruzione di alloggi accessibili di alta qualità.

A tal fine, sono stati sviluppati progetti per aumentare la costruzione di alloggi accessibili e standard nel 2018 di 1,5 volte rispetto al 2017.

Un'altra questione importante relativa a questa sfera è il riesame radicale dell’attività delle associazioni di proprietari privati di alloggi. Ci aspettiamo che il nuovo Ministero di politiche abitative e sociali (servizi integrati simili ai servizi condominiali in Italia) si impegni con efficienza in questa direzione.

L'anno successivo, in molte località, e prima di tutto nella Repubblica di Karakalpakistan e nelle regioni di Khorezm, Bukhara, Jizzak, Kashkadarya, Surkhandarya e Syrdarya con circa 580 mila abitanti saranno attuati progetti per la fornitura d’acqua potabile e servizi di fognatura e depurazione. 

Egregi partecipanti all'incontro!

Nel 2018, al fine di costruire nuove strade, sviluppare ulteriormente l'infrastruttura di trasporto e logistica, migliorare la qualità dei servizi prestati, abbiamo in programma di:

in primo luogo, ripristinare 180 chilometri di ferrovie ed elettrificare oltre 200 chilometri di ferrovie;

in secondo luogo, avviare le tratte ferroviarie "Tashkent - Urgench - Khiva" con i treni ad alta velocità e la tratta turistica "Tashkent - Samarcanda - Bukhara - Urgench - Khiva"; mettere in funzione la stazione ferroviaria della città di Tashkent “Stazione del Sud” e la nuova stazione di Khiva;

in terzo luogo, elettrificare le linee di Bukhara - Miskin e Karshi - Kitob, e collegarle con Shahrisabz, utilizzando nuova rete di ferrovie;

in quarto luogo, accelerare la costruzione della linea “Sergeli” e completare la linea“Yunusabad” della metropolitana di Tashkent, costruire la metropolitana in superficie lungo la grande tangenziale della nostra capitale;

in quinto luogo, progettare grandi snodi di transito stradali e ferroviari, costruendo un'infrastruttura moderna con un servizio di qualità.

Sfortunatamente, negli ultimi anni non si dedicava attenzione sufficiente all'introduzione di tecnologie aerospaziali d’importanza strategica per i settori principali della nostra economia.

Per lo sviluppo di questo settore progressivo, sarà necessario coinvolgere investitori stranieri nell’attuazione dei progetti nell’ambito dei partenariati pubblico-privato e creare un'infrastruttura spaziale nazionale a terra e per scopi di produzione industriale.

È indispensabile rinforzare il potenziale degli istituti di ricerca scientifica in campo aerospaziale.

Dobbiamo creare un'agenzia di stato apposita che coordinerà delle attività aerospaziali e ci consentirà di risolvere in modo articolato tutti i problemi dello sviluppo del settore. 

IV. Obiettivi prioritari per lo sviluppo della sfera sociale.

Onorevoli parlamentari, deputati di Kengash regionali e distrettuali!

 

Studiando la migliore esperienza straniera, dobbiamo consolidare il concetto del “paniere del consumo” nella legislazione e creare meccanismi per la sua applicazione pratica e identificare il livello di reddito sufficiente per una vita dignitosa della popolazione.

Inoltre, saranno adottate misure pratiche per aumentare gradualmente i redditi effettivi della popolazione, i salari, le borse di studio, le pensioni e le prestazioni sociali.

Nonostante le recenti misure per la protezione della salute umana, purtroppo, restano ancora molti i problemi irrisolti nel settore.

Considerando questo, dobbiamo introdurre e adattare alle nostre condizioni i concetti della “Medicina intelligente” e del “Centro unico per le informazioni mediche” per la diagnosi precoce, la diagnosi delle malattie a distanza e per garantire l’assistenza moderna, di qualità, in modalità comoda per i residenti della regione.

Per lo sviluppo della medicina privata è importante attirare investitori stranieri, creare le condizioni per il lavoro efficace degli specialisti stranieri nel paese.

L’accesso ai farmaci è uno dei problemi attuali che preoccupa la gente. Per affrontarlo presto saranno istituite 2000 farmacie sociali, che forniranno alla popolazione delle medicinali di qualità a prezzi accessibili.

Oggi, la vita stessa richiede di modificare radicalmente le attività dei centri di screening, che svolgono un ruolo importante nella protezione della salute di madri e bambini.

Nel 2018, quarantasei associazioni mediche di città e distrettuali saranno trasformate nei centri interdistrettuali perinatali dotati di moderne attrezzature mediche, con personale qualificato.

Nei centri medici rurali saranno organizzati moderni laboratori diagnostici di screening, diagnosi precoce e la prevenzione delle malattie per usufruire al meglio i risultati della scienza medica nella pratica clinica.

Per la copertura completa di servizi di telecomunicazione e per consentire alla popolazione di oltre 600 località l’accesso a Internet e ai servizi di comunicazione mobile si prevede di installare 2000 chilometri di linee in fibra ottica in aree remote, aumentare la velocità di connessione a Internet di 2,5 volte, mettere in servizio più di 4000 stazioni radio base per il supporto di telefonia mobile.

Saranno sviluppate e attuate le misure per garantire il riposo e intrattenimento culturale per la popolazione.

Al fine di migliorare la tutela, gestione razionale e uso consapevole del patrimonio culturale, dovrebbe essere adottato il Programma per il sostegno alla ricerca e conservazione di reperti archeologici.

Garantiremo l’adempimento incondizionato delle nostre decisioni sul sostegno materiale e morale dei connazionali, che lavorano devotamente nel campo della scienza, della cultura, dell’arte e della letteratura.  In particolare, saranno adottate tutte le misure per migliorare le loro condizioni abitative, il servizio sanitario e sociale, per realizzare il potenziale dei giovani talenti e per aumentare i compensi di diritti d’autore.

Al fine di rafforzare la base materiale e tecnica della sfera della cultura fisica e dello sport nel 2018 saranno costruiti:

-  scuola sportiva specializzata in discipline olimpiche e nazionali nella città di Nukus;

-  complesso sportivo “Yoshlik” nella città di Urgench;

-  complessi sportivi universali nelle città di Tashkent, Andijan, Samarcanda, Bukhara;

-  complesso sportivo e piscina coperta polivalente nella città di Karshi.

 

Gentili amici!

Il compito che ci siamo dati, è quello di portare a una nuova fase il nostro lavoro sull’educazione della giovane generazione e lo sviluppo armonico, fisico, spirituale della loro personalità. A tal fine, è stata adottata la nuova redazione della Legge “Sulla politica giovanile dello
Stato”, che prevede introduzione attiva di nuovi metodi di lavoro con i giovani.

Oggi, molti dei nostri giovani ricevono l’istruzione e lavorano all’estero. Naturalmente, tra loro ci sono giovani, che hanno trovato la loro vocazione e vive felicemente, tuttavia, la nostalgia della Patria è una forte sensazione, che non lascia mai la persona lontana da casa sua.

Pertanto, dobbiamo creare legami stabili con i connazionali, che vivono all’estero, rafforzare il lavoro sulla tutela dei loro diritti e interessi legittimi e sostenere coloro, che desiderano tornare nella loro Patria.

 A tal fine, è necessario formare l’Associazione Internazionale della gioventù dell’Uzbekistan e creare le condizioni appropriate per il suo efficace funzionamento.

Nel 2018 si prevede di organizzare il Forum della gioventù dell’Asia Centrale a Samarcanda per consentire ai nostri giovani di mostrare il loro potenziale, dialogando con i coetanei stranieri nel campo della scienza, della cultura, dello sport, dell’imprenditoria e di altre aree.

Uno dei risultati più importanti delle riforme attuate quest’anno è senza dubbio la completa cessazione del lavoro minorile e forzato nel nostro paese.

Siamo lieti che questi cambiamenti positivi siano stati riconosciuti dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro e da altre strutture.

Continueremo a dare la massima priorità allo studio approfondito dell’inglese e di altre lingue straniere. Istituiremo un lavoro su larga scala per formare e migliorare le competenze dei professionisti dei settori richiesti nel nostro paese.

A proposito di questo, dobbiamo ammettere com’è importante e attuale per noi la questione dell’educazione delle personalità pienamente sviluppate e degne di continuare il lavoro dei nostri grandi antenati.

Non possiamo dimenticare che il potenziale intellettuale e culturale della nostra gente è davvero una ricchezza inestimabile e l’educazione di giovani di talento è cruciale. Grazie a quest’approccio i paesi sviluppati hanno raggiunto l’attuale livello elevato.

Purtroppo, alcuni dei nostri scienziati e giovani con grande potenziale scientifico vanno all’estero: lavorano nelle grandi aziende e banche straniere, università importanti, organizzazioni internazionali. Ho incontrato personalmente decine di connazionali durante le mie visite all’estero.

Adesso stiamo creando tutte le condizioni necessarie per consentire l’accesso ai servizi consolari e altro per i nostri connazionali all’estero, per offrirgli l’opportunità di visitare gratuitamente la Patria, partecipare allo sviluppo del paese e in futuro estenderemo questo lavoro.

A questo proposito propongo di sviluppare un concetto di politica statale sulla cooperazione con i connazionali che vivono e lavorano all’estero. 

         V. Obiettivi prioritari in materia di sicurezza, armonia interetnica, tolleranza religiosa e politica estera. 

         Onorevoli deputati e senatori!

Come sapete, nelle attuali condizioni di globalizzazione la competizione economica diventa più acuta, e s’intensificano le minacce informatiche e terroristiche.

I conflitti e gli scontri sanguinosi continuano nelle varie parti del globo e in particolare nel Medio Oriente. Con mio grande dispiacere il numero di tali conflitti sta aumentando.

Tenendo conto di questa preoccupante situazione, dobbiamo consolidare pienamente la pace e la stabilità, rafforzando le nostre attività per combattere le minacce alla sicurezza.

Prima di tutto, dobbiamo migliorare l’efficienza del sistema già formato, in particolare aumentare la responsabilità dei vice khokims impegnati in questioni religiose.

Gli aksakal (leader) di makhallas, gli ispettori di prevenzione, gli imam- khatib, i consulenti delle riunioni popolari sulle questioni di educazione religiosa, spirituale e morale, gli attivisti della gioventù e organizzazioni femminili, devono condurre un lavoro congiunto e appropriato.

Se organizziamo il lavoro in questo modo e non resteremo indifferenti a questo problema, ci impegneremo noi stessi a proteggere i nostri figli, le nostre case e makhallas da tali minacce e sfide, sono fiducioso che saremo in grado di evitarli.

Continueremo a migliorare il lavoro sulla riabilitazione sociale e sul ritorno alla vita normale e sana di chi è finito sotto influenza delle idee estremiste. 

Per prevenire le minacce e attacchi informatici attraverso le varie risorse informative, è necessario istituire delle unità speciali negli organismi preposti all’applicazione della legge.

Continueremo a considerare come una delle principali priorità le questioni del consolidamento del consenso interreligioso e civile nella nostra società.

A tal fine, saranno adottate, le misure necessarie per migliorare i meccanismi organizzativi e legali per le attività delle organizzazioni religiose nel paese. 

Gentili partecipanti alla riunione!

Altro importante tema su cui vorrei attirare la vostra attenzione, è la struttura organizzativa del sistema di difesa nel nostro paese: l’efficienza di combattimento, il livello di preparazione spirituale e morale di soldati e ufficiali non soddisfa i requisiti della realtà odierna, che cambia rapidamente.

 Comunque va notato, che a seguito di misure complesse volte a riformare l’esercito nazionale, l’immagine delle nostre Forze Armate è radicalmente cambiata in breve tempo.

La nuova Dottrina di Difesa consente una maggiore efficienza delle riforme nel campo militare. Questo documento stabilisce i principi di apertura nella politica estera dell’Uzbekistan, lo sviluppo delle relazioni amichevoli con tutti, con la priorità allo sviluppo delle relazioni con i paesi confinanti. Il compito più importante è il consolidamento e l’indipendenza e sovranità del nostro stato.

Considerando le peculiarità della posizione geostrategica del nostro paese e la situazione politica e militare in rapida evoluzione nella regione, sono stati rivisti i compiti e le strutture delle Forze Armate: come la creazione della Guardia Nazionale, adozione delle misure complesse per l’equipaggiamento delle truppe con gli armamenti moderni e attrezzature tecniche militari.

Il successivo rafforzamento della difesa del nostro stato e l’aumento del potenziale ed efficienza di combattimento delle Forze Armate fanno parte dei nostri più importanti compiti.

Dobbiamo adottare il Programma di Stato sulla formazione e sviluppo dell’apparato industriale militare, per garantire l’equipaggiamento delle Forze Armate con armamenti e attrezzature tecniche militari moderne.

In conformità alla Strategia d’azione adottata nel nostro paese, continueremo coerentemente la politica di sviluppo globale di relazioni amichevoli e reciprocamente vantaggiose con tutti i paesi del vicinato e non e con le organizzazioni internazionali.

Adotteremo tutte le misure necessarie per l’attuazione tempestiva, completa e ad alto livello degli accordi e contratti stipulati dalla Repubblica dell’Uzbekistan con altri Stati, organizzazioni mondiali e istituzioni finanziari internazionali.

Colgo l’occasione per esprimere la mia sincera gratitudine ai rappresentanti delle organizzazioni internazionali, ambasciatori di paesi stranieri che sostengo le riforme attuate nel nostro paese. 

Gentili amici!

L’implementazione dei piani e dei progetti su larga scala delineati in questo Messaggio, porterà indubbiamente lo sviluppo del paese ad un nuovo livello, più alto e migliorerà ulteriormente il benessere del nostro popolo.

Siamo tutti consapevoli che per attuare pienamente ed efficacemente questi compiti importanti dobbiamo creare il quadro giuridico e meccanismi appropriati.

Il Primo ministro A. Aripov, i Consiglieri di Stato U. Ismoilov, O.  Muradov, il Segretario del Consiglio di sicurezza V. Makhmudov sono incaricati di approvare entro il 10 gennaio 2018 delle misure complesse sull’esecuzione incondizionata di compiti prioritari determinati in questo Messaggio da parte di tutti gli organi della gestione economica e dello stato, presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica del Karakalpakistan,  khokims di Tashkent, regionali, distrettuali, delle città.

         Cari compatrioti!

Naturalmente, siamo coscienti che l’anno 2018, che rappresenterà una tappa decisiva per raggiungere gli obiettivi indicati nel Messaggio, non sarà facile per noi. Lo dico apertamente. Ma noi non ci allontaneremo dalla nostra strada scelta e avanzeremo costantemente verso i nostri obiettivi, superando con coraggio le difficoltà. Dopotutto, in questa vita nulla si ottiene senza fatica. Non aspettiamo che qualcuno venga e ci risolva i nostri problemi, ma possiamo farlo solo noi stessi.

Tutti noi dobbiamo comprendere una verità: oggi parliamo del destino e del futuro del nostro Popolo, Patria, della felicità dei nostri amati figli.

  Sono convinto che saremo in grado di raggiungere tutti quei risultati a cui aspiriamo se lavoreremo onestamente e con la coscienza, rimanendo fedeli a noi stessi e senza l’autoinganno.

Il nostro Popolo ha superato molte prove con onore e mi riempie di fiducia la sua volontà e il grande potenziale creativo.

Auguro a tutti la forza ed energia, buona salute, felicità familiare e prosperità su questa buona strada.

1-5 of 5