GEOGRAFIA


Mappa

Ubicazione : Asia Centrale, a nord dell'Afghanistan 
Accesso al mare : il paese è circondato dalla terra 
Nota : il confine attraversa il Lago d'Aral (420 km di zona costiera del Lago d'Aral)
Confini : Afghanistan, Kazakhstan, Kirgizstan, Tajikistan e Turkmenistan 
Coordinate : 41 00 N, 64 00 E

Area 
totale – 447.400 kmq 
terra – 425.400 kmq 
acqua – 22.000 kmq 
  
Misure 
lunghezza totale – 6221 km 
estensione dei confini con l'Afghanistan – 137 km; Kazakhstan – 2.203 km; Kirgizstan – 1.099 km; Tadjikistan – 1.161 km; Turkmenistan – 1.621 km. 
Costa : 0 km (non vengono calcolati i 420 km di costa del Lago d'Aral) 
  
Territorio . Il territorio dell'Uzbekistan è composto per circa quattro quinti dalle vaste pianure del Bassopiano Turanico. Nella zona orientale e nordorientale del paese si trovano le estreme propaggini della catena del Tian Shan, con rilievi che raggiungono altitudini comprese fra i 3.000 e i 4.000 metri, e dell'altopiano del Pamir, dove si trova il più alto rilievo del paese (4.643 m). La regione centrosettentrionale del paese è occupata dal deserto del Kyzylkum, uno dei più vasti del mondo. 
  
Composizione geologica e minerali . Il sottosuolo dell'Uzbekistan è ricco di gas naturale, carbone, oro, piombo, tungsteno, giacimenti di petrolio. 
  
Clima . Il clima è continentale desertico, con notevoli variazioni di temperatura nel corso dell'anno; la media della temperatura diurna di gennaio va da –6 a 2 gradi centigradi, quella di luglio va da 26 a 32 gradi centigradi. Le scarse precipitazioni rendono necessaria l'irrigazione dei campi coltivati. 
Il clima dell’Asia Centrale è estremamente freddo in inverno, molto caldo in estate e umido. 
Primavera e autunno sono le stagioni migliori per visitare la pianura dell’Asia Centrale (Aprile – Maggio, Settembre – Ottobre). I viaggiatori devono prepararsi alle temperature caldissime durante il giorno e fredde di notte. Le temperature variano infatti dai 20 ai 30 gradi di giorno ai 15 – 20 gradi di notte.

 

Gen

Feb

Mar

Apr

Mag

Giu

Lug

Ago

Set

Ott

Nov

Dic

Max (°C) 
Min (°C)


-3


-1

14 
1

22 
10

27 
14

33 
18

36 
19

34 
17

29 
12

21 
7

14 
3


0

Max (°F) 
Min (°F)

42 
26

46 
29

58 
40

71 
50

81 
57

92 
64

96 
67

93 
63

84 
54

70 
45

58 
38

47 
31


Acque interne . Un gran numero di fiumi ha corso sotterraneo o si disperde prima di sfociare nei bacini lacustri. I due fiumi principali, l'Amudarja e il Syrdarja, si gettano nel lago d'Aral, le cui acque vengono sfruttate per l'irrigazione. Negli ultimi decenni questo impiego ha fatto scendere sotto il livello di guardia il bacino del lago e ha creato seri problemi di inquinamento all'ecosistema, minacciato inoltre dalla fitta rete di canali e dalla creazione di bacini artificiali come il lago Aidar, che hanno alterato l'equilibrio idrogeologico della regione. Un altro fiume di rilievo è lo Zeravsan, che scorre verso ovest dai monti del Tagikistan nella sezione centroorientale dell'Uzbekistan; in passato era il maggior affluente dell'Amudarja, ma oggi, con il massiccio prelievo delle sue acque per l'irrigazione, il fiume si disperde nel deserto di Kyzylkum, nei pressi di Buhoro.

Flora e fauna. Oltre i due terzi del territorio sono desertici o presentano la vegetazione erbosa e cespugliosa tipica della steppa. Parte dei boschi originari di castagni è ancora presente alle altitudini medio-basse; salendo si incontrano l'abete rosso, il larice e il ginepro. L'olmo e il pioppo sono diffusi lungo le rive dei fium, assieme a fitti cespugli chiamati tugai. 
Nelle steppe vivono, oltre alla Saiga tatarica, un'antilope a rischio di estinzione, il capriolo, il lupo, la volpe e il tasso. Tipica del desrto di Kyzylkum è una lucertola gigante che può raggiungere la lunghezza di 1,60 m; diffusi anche diversi roditori. Gli ambienti deltizi ospitano il cinghiale, lo sciacallo e il cervo rosso. La tigre del Caspio è estinta: l'ultimo esemplare di questa sottospecie venne ucciso nel delta dell'Amudarja nel 1972. Sui rilievi orientali vive, assieme allo stambecco siberiano, alla lince, al lupo, al cinghiale e all'orso bruno, un'altra specie minacciata dall'uomo: il leopardo delle nevi, cacciato per la sua pelliccia. Diverse specie di uccelli abitano le steppe e i rilievi, tra le quali il fagiano, il tetraone, la pernice, il falco, l'aquila e l'avvoltoio. L'anatra, l'oca e altri uccelli migratori si fermano nella Piana di Ustjurt.

Risorse naturali . La Repubblica dell'Uzbekistan è molto ricca di risorse naturali, soprattutto per quanto riguarda le riserve di minerali e le materie prime agricole. 
Il moderno livello di esplorazione dei minerali dipende dal controllo dei depositi di metalli nobili, colorati e rari, dei giacimenti di comustibili organici, di gas naturale e condensato, di carbone, combustibile, uranio e molte altre materie prime utili per la costruzione. 
L'Uzbekistan occupa un posto di prestigio per l'estrazione di diversi minerali come l'oro, l'uranio, il piombo, il gas naturale, il tungsteno, i sali di potassio, il fosforo, non solo tra paesi del CSI, ma a livello mondiale. 
  
Ecologia . Il lago d'Aral rappresenta il maggior problema ambientale per l'Uzbekistan; lo sfruttamento delle risorse idriche del lago, a partire dal secondo dopoguerra, ha causato un profondo mutamento degli equilibri ecologici del bacino. A causa della politica aggressiva di produzione del cotone dell'Unione Sovietica, infatti, il lago è stato privato dei suoi principali affluenti le cui acque sono state destinate per intero all'irrigazione. L'ecosistema della regione è andato degradandosi parallelamente all'evaporazione del lago e alla diminuzione di afflusso da parte dei due immisssri, l'Amudarja e il Syrdarja. Inoltre, le scorie industriali e le ingenti quantità di fertilizzanti e pesticidi, tra cui il DDT, utilizzati in agricoltura, hanno contribuito al grave inquinamento idrico del bacino e dei suoi affluenti. Si osserva un peggioramento delle condizioni di salute nei territori circondanti il lago d'Aral con l'aumento dei casi di cancro alla gola e mortalità infantile, diminuzione dell'aspettativa di vita, alti tassi di anemia femminile e parti prematuri, aumento dei casi di malattie nervose e psicologiche infantili. Anche l'habitat faunistico ha risentito, in modo gravissimo, di questa situazione: molte specie di piante e animali sono ora estinte, mentre 26 sono le specie faunistiche attualmente in pericolo. La fauna ittica dell'Aral è ormai del tutto scomparsa. 
Il 48% (2000) della superficie totale del paese è coperto da foreste, di cui lo stato sta incrementando l'estensione. L'1,8% (2000) del territorio è sottoposto a tutela ambientale. Il paese include 4 World Heritage Sites: le città di Buhoro, Samarcanda, Shakhrisyabz e Itchan Kala (nucleo interno dell'oasi di Khiva). 
L'Uzbekistan ha sottoscritto accordi internazionali sull'ambiente in materia di biodiversità, cambiamento climatico, desertificazione, specie a rischio di estinzione, modificazioni ambientali, smaltimento di rifiuti nocivi e protezione dell'ozonosfera.




2009 anno dello sviluppo