Home Page‎ > ‎Notizie / News‎ > ‎

Il Presidente ha firmato il decreto “Sull’estensione delle attività nelle zone economiche libere”

Отправлено 4 февр. 2017 г., 6:02 пользователем Webmaster Ambasciata

Il Presidente dell'Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev ha firmato il decreto "Sulle misure supplementari per intensificare ed espandere le attività nelle zone economiche libere."

Il documento è stato adottato al fine di creare le condizioni favorevoli per un ulteriore sviluppo nella Repubblica di zone economiche libere come il fattore più importante per l'espansione degli investimenti diretti esteri, per creare nuove industrie high-tech, per un maggiore coinvolgimento delle regioni della Repubblica nello sviluppo della produzione di moderna esportazione competitiva di prodotti industriali finiti, garantire lo sviluppo accelerato di produzione, di ingegneria e di comunicazione, di trasporto su strada, di infrastrutture sociali e servizi di logistica.

Shavkat Mirziyoyev ha approvato la proposta del Ministero dell'Economia e Ministero delle Relazioni Economiche Estere, Investimenti e Commercio della Repubblica dell'Uzbekistan sull'unificazione dei nomi di zona industriale-economica libera "Navoi" e delle zone industriali speciali "Angren" e "Jizzak". Secondo la decisione, le zone verranno rinominate nelle zone economiche libere "Navoi", "Angren" e "Jizzak", rispettivamente.

Il documento definisce le principali direzioni di ulteriore sviluppo nelle zone economiche libere "Navoi" "Angren" e "Jizzak".

          Il decreto stabilisce un’unica modalità giuridica per le zone economiche libere. Inoltre,verranno unificate i privilegi fiscali e doganali e le preferenze per creare le condizioni più favorevoli per gli investimenti nel settore reale dell'economia della Repubblica.

          Queste zone dovrebbero coinvolgere gli investimenti diretti, soprattutto quelli stranieri, per creare un’industria moderna ad alta tecnologia e di localizzazione, per assicurare la profonda lavorazione delle risorse minerarie locali e la produzione di prodotti competitivi ad alto valore aggiunto.

Le zone economiche libere inizieranno gradualmente a fornire tutti i tipi di servizi pubblici, tra cui il rilascio di permessi, secondo il principio di "uno sportello unico".

Il Capo dello Stato ha approvato la proposta per l'unificazione dei regimi fiscali e doganali in vigore sul territorio di zone economiche libere, i partecipanti delle zone economiche saranno esenti dal pagamento di:

-        imposta sul valore fondiario, imposta sul reddito, tassa di proprietà per le persone giuridiche, imposta sul miglioramento e lo sviluppo delle infrastrutture sociali, imposta unica per le micro e piccole imprese,  contributi obbligatori al Fondo repubblicano stradale e al Fondo extra-bilancio per la ricostruzione, la ristrutturazione e l'allestimento di scuole, collegi professionali, licei accademici e istituzioni mediche sotto il Ministero delle Finanze della Repubblica dell’Uzbekistan;

-        dazi doganali (ad eccezione per le tasse di sdoganamento) per attrezzature, materie prime e ricambi importati per proprie esigenze di produzione, inoltre, materiali da costruzione non prodotti in Uzbekistan e importati nel quadro dell'attuazione dei progetti, corrispondenti alla lista approvata dal Consiglio dei Ministri dell'Uzbekistan.

In caso di vendita o donazione di attrezzature, materie prime e ricambi, importati usufruendo delle agevolazione doganali entro tre anni dalla data di importazione, i dazi doganali verranno riscossi in pieno in conformità con la normativa.

          La concessione delle agevolazioni previste dal Decreto dura da 3 a 10 anni, a seconda degli investimenti effettuati:

-        da 300 mila dollari USA fino a 3 milioni di dollari USA - per un periodo di 3 anni;

-        da 3 milioni dollari USA fino a 5 milioni di dollari USA - per il periodo di 5 anni;

-        da 5 milioni di dollari USA fino a 10 milioni di dollari USA - per un periodo di 7 anni;

-        oltre 10 milioni di dollari USA- per un periodo di 10 anni, con ulteriore agevolazione del 50% sull’imposta sul reddito e l’imposta unica, rispetto alle tariffe in vigore, per i successivi 5 anni.

Mirziyoyev ha esteso ai membri delle zone "Angren" e "Jizzak" la procedura, in base alla quale i membri sono esenti per tutto il periodo di funzionamento delle zone economiche libere da pagamenti doganali (tranne le tasse di sdoganamento) per le materie prime importate e ricambi prodotti per esportazione.

I membri possono effettuare i pagamenti in valuta estera all'interno delle zone economiche libere, in conformità agli accordi e contratti conclusi. Essi possono pagare in valuta estera per beni, lavori (servizi) di altre entità economiche residenti della Repubblica dell’Uzbekistan, usare i termini convenienti e le forme di pagamento per i beni esportati e quelli importati.

Il Ministero dell'Economia, il Ministero delle Relazioni
Economiche Estere, Investimenti e Commercio dell'Uzbekistan insieme ad altri ministeri, dipartimenti, aziende e associazioni hanno il compito di sviluppare un programma di misure per l’ulteriore miglioramento e espansione delle attività nelle zone economiche libere "Navoi", "Angren" e "Jizzak".

 

UzDaily.uz

 

Comments